menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato il "grossista" dei pusher dei vicoli: nascondeva la droga in casa della nonna

In manette è finito un genovese di 29 anni, che nell'abitazione di famiglia teneva 15mila euro in contatti e 8 panetti di hashish. Secondo le forze dell'ordine era il fornitore degli spacciatori del centro storico

Continua l’attività di contrasto allo spaccio di droga nel centro storico: al termine di una lunga indagine i carabinieri, che da qualche settimana hanno rafforzato la presenza sul territorio istituendo il Cio (Compagnia Intervento Operativo) che conta su militari addestrati e altamente qualificati, hanno arrestato quello che ritengono essere uno dei “grossisti” dei pusher dei vicoli, un genovese di 29 anni pregiudicato che teneva le sue scorte nella casa della nonna, nel quartiere di Castelletto.

A individuare il 29enne, identificato come uno dei fornitori di hashish per la piazza di spaccio del centro storico, è stato il Nucleo Operativo insieme con i colleghi della stazione di Castelletto: durante la perquisizione domiciliare, i militari hanno trovato 750 grammi di hashish suddivisi in otto panetti, abilmente nascosti, e 15mila euro in contanti. Stando alla ricostruzione degli investigatori, il giovane usava la casa della nonna come “base operativa” per smerciare la droga e gestire il giro d’affari.

Arrestato, è stato trasferito nel carcere di Marassi. Nell’ambito della stessa attività di controllo i carabinieri hanno arrestato anche 5 spacciatori di hashish e crack, tutti tra i 18 e i 36 anni, tutti attivi tra i sestieri di Pré, Maddalena e Carignano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Coronavirus

Coronavirus: altri 15 decessi, il più giovane aveva 61 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento