menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa ai danni di Carige, condanne annullate a Berneschi e altri indagati

Il processo dovrà ricominciare dall'udienza preliminare al tribunale di Milano, dove, secondo la tesi degli avvocati difensori, accolta dei giudici, si sarebbe consumato il reato più grave, ovvero quello di riciclaggio

Tutto da rifare. La Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di condanna nei confronti di Giovanni Berneschi, l'ex presidente di Banca Carige, e degli imputati del processo del processo sulla maxi-truffa ai danni dell'istituto ligure e del ramo assicurativo Carige Vita Nuova, riconoscendo l'incompetenza territoriale del foro di Genova.

Il processo dovrà ricominciare dall'udienza preliminare al tribunale di Milano, dove, secondo la tesi degli avvocati difensori, accolta dei giudici, si sarebbe consumato il reato più grave, ovvero quello di riciclaggio. Le altre violazioni contestate a Berneschi sono associazione a delinquere finalizzata alla truffa e falso.

Berneschi era stato condannato in appello a otto anni e sette mesi, cinque mesi in più rispetto al primo grado perché era stata riconosciuta in aggiunta l'aggravante dell'internazionalità. Ora c'è il rischio concreto che tutto finisca in prescrizione, che scatterà nel 2023. Insieme a Berneschi dovranno essere processati a Milano anche Ferdinando Menconi, ex amministratore delegato del ramo assicurativo, l'immmobiliarista Ernesto Cavallini, l'imprenditore Sandro Maria Calloni, il commercialista Andrea Vallebuona, il commercialista Alfredo Averna, il notaio Piermaurizio Priori e l'avvocato Ippolito Giorgi di Vistarino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento