menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un parco urbano nell'ex Caserma Gavoglio: ecco il nuovo progetto "green"

Nell'ambito del bando del programma Horizon 2020 - Smart Cities, la città riceverà oltre 3 milioni di euro in finanziamenti europei per trasformare le aree sino a oggi grigie e in disuso in un polmone verde

Continua l’opera di riqualificazione delle aree dell’ex caserma Gavoglio, al Lagaccio, che presto potrebbero venire trasformate in parco urbano: questo l’obiettivo del progetto europeo Unalab, presentato nell’ambito di un bando del programma Horizon 2020 - Smart Cities and Communities cui partecipa il Comune di Genova.

Nel “mirino” ci sono i circa 5 ettari dell’ex caserma, nell’ultimo anno protagonista di un progetto globale di riqualificazione e di restituzione ai cittadini anche attraverso la collaborazione dei residenti stessi, l’inaugurazione della Casa di Quartiere e l’installazione di nuove aree giochi per bambini, avvenuta lo scorso luglio: nell’ambito del progetto europeo, Genova riceverà un finanziamento di 3.144.068 euro, con una quota per il Comune di Genova di 1.710.250 euro. 

L’idea è quella di recuperare gli spazi militari dismessi attraverso l’acquisizione degli immobili da parte del Comune, che si occuperà poi di dare all’area una diversa destinazione d’uso più in linea con le esigenze della città e del quartiere: per gli edifici storici si prevedono usi residenziali, turistici, e di servizio, mentre l’ex Proiettilificio diventerà risorsa per uno sviluppo produttivo sostenibile con l’insediamento di start up e spazi di coworking. 
 
Il  parco, in particolare, più volte chiesto dai cittadini durante i confronti con le istituzioni, rappresenta uno dei punti cardine del progetto: un polmone verde per il quartiere del Lagaccio, che collegandosi ai percorsi di versante culminanti  nel sistema dei forti, diventerà una risorsa per tutta la città e volano per la valorizzazione dell’ex Caserma Gavoglio. La speranza è quella di attirare investimenti privati sugli edifici storici da riqualificare, e nel contempo incrementare gli spazi a disposizione dei cittadini. Per farlo, i partecipanti al progetto si metteranno alla prova utilizzando tecniche di ingegneria naturalistica, demolendo edifici in disuso e sfruttando l’acqua per trasformare aree grigie in un’oasi verde al centro della città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento