rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Casarza senz'acqua da 10 giorni, la Procura apre un'inchiesta

In seguito ai sempre più numerosi esposti presentati, il pm Vincenzo Calia ha aperto un fascicolo per inquinamento a carico di ignoti

Dopo i sempre più numerosi esposti arrivati in Procura, il pm Vincenzo Calia ha aperto un’inchiesta per fare luce su quanto accaduto a Casarza, dove 6mila persone sono senza acqua ormai da dieci giorni dopo a causa dell’inquinamento del pozzo di Case Nuove.

Stando alla prima ricostruzione da parte dei tecnici intervenuti, il pozzo sarebbe stato contaminato da idrocarburi in seguito a un incidente risalente allo scorso luglio che ha coinvolto un’autocisterna e che ha causato lo sversamento del carburante nella falda. La procura ha quindi deciso di aprire un fascicolo per inquinamento, al momento a carico di ignoti, in attesa dei risultati delle indagini affidate alla sezione Ambiente.

Intanto a Casarza l’uso dell’acqua potabile è vietato dallo scorso 31 agosto, e i residenti sono costretti a servirsi di taniche a autobotti per rifornirsi. mentre i tecnici dell’azienda idrica sono al lavoro su una soluzione che consenta di risolvere il problema nel più breve tempo possibile. L’ipotesi iniziale di effettuare un by-pass che colleghi l’acquedotto a quello di Sestri Levante richiederebbe almeno tre mesi di tempo, e l’opzione più praticabile sembra essere quella di installare speciali filtri a carbone per rendere l’acqua nuovamente potabile.

La preoccupazione tra i residenti però aumenta, e il Movimento 5 Stelle di Casarza ha organizzato per venerdì 11 settembre un incontro con il segretario regionale di Assoconsum Liguria invitando tutti i cittadini a prendervi parte per valutare l’ipotesi di avanzare richieste di risarcimento.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casarza senz'acqua da 10 giorni, la Procura apre un'inchiesta

GenovaToday è in caricamento