Nuove telecamere a Caricamento e in Sottoripa per contrastare il crimine

Dopo l'esposto presentato da alcuni residenti del centro storico, sia il Pd che la Lega hanno chiesto chiarimenti all'assessore competente

«È in programma, già dai prossimi giorni, l'installazione di nuove telecamere di ultima generazione a presidio di Sottoripa e piazza Caricamento, che daranno un contributo sostanziale alla lotta contro il crimine». Così l'assessore Stefano Garassino in risposta a un'interrogazione a risposta immediata, avanzata dal gruppo consiliare Pd in occasione del consiglio comunale di martedì 12 maggio (la giunta risponde per iscritto entro 5 giorni per via dell'emergenza coronavirus).

Più nello specifico, il gruppo consiliare Pd, sulla base dell'esposto presentato da alcuni residenti della zona della Maddalena nel Centro Storico circa alcune situazioni di particolare rilevanza per la sicurezza che si sono iontensificate nei giorni scorsi, aveva chiesto quali azioni urgenti intendesse mettere in atto la giunta per ripristinare la normale convivenza dei cittadini della zona.

La replica dell'assessore Stefano Garassino: «Le azioni messe in campo dall’Amministrazione per fronteggiare questo problema sono molteplici. Per quanto di competenza della Polizia Locale, con il personale e i mezzi a disposizione, svolge quotidianamente, oltre ai compiti istituzionali, anche una azione di controllo del territorio. Situazioni ed episodi, come anche il citato esposto, vengono portati puntualmente all’attenzione del Prefetto il quale, in qualità di massima autorità pubblica di sicurezza in ambito metropolitano, statuisce le dinamiche di intervento territoriale che vedono l’attività della Polizia Locale inserita in quelle messe in essere da Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato, nel rispetto degli ambiti di competenza che vedono la Polizia Locale impegnata, in prima battuta, nel contrasto del degrado urbano e le forze di Polizia nella tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. Proprio per ripristinare la sicurezza e la vivibilità cittadina, in particolare in quelle zone sensibili come il centro storico, la civica amministrazione ha voluto potenziare il sistema di sicurezza attraverso l’implementazione delle telecamere».

Anche il gruppo consiliare Lega Salvini Premier ha presentato analoga interrogazione, alla luce del fatto che tale situazione sta portando all'esasperazione i residenti e, poiché in tema di sicurezza è necessaria una presa di posizione del Prefetto, ha chiesto «se da parte dell'Amministrazione non sia possibile chiedere la presenza di forze dell'ordine nella zona della Maddalena e, comunque, nel centro storico, in quanto questa degenerazione sta diventando molto preoccupante».

Ancora l'assessore Stefano Garassino: «questa problematica è stata sottoposta anche in un recente incontro del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica all’attenzione del Prefetto e dei rappresentanti delle forze dell’ordine. In relazione alla grave situazione del centro storico, con particolare riferimento alla presenza di fenomeni di spaccio di sostanze stupefacenti, in quella sede sono state assunte decisioni finalizzate a rafforzare i controlli già in atto da parte delle forze dell’ordine ma particolarmente stringenti in questa porzione di territorio dove, nonostante i divieti di spostamento e assembramento, è continuato il problema dello spaccio. In sostanza, per ottimizzare e armonizzare l’utilizzo di uomini e mezzi, sono stati delineati piani di controllo e di intervento, nei quali è inserita anche l’attività della Polizia Locale. Il problema dello spaccio è, comunque, sempre controllato e contrastato con un impegno commisurato alle forze disponibili da parte di tutte le forze dell’ordine e della Polizia Locale, che ha incrementato l’attenzione come dimostrano i dati statistici. Di più, a breve partirà l’attività dell’unità cinofila antidroga della Polizia Locale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di caccia a Bolzaneto: muore 58enne colpito per errore

  • Travolta da uno scooter a Sant'Eusebio, muore in ospedale: «Ciao Ale»

  • All'asta le sneaker della Lidl. Anche mille euro per una taglia 38

  • Tragedia al San Martino, trovato morto paziente allontanatosi dal reparto

  • A passeggio dopo il coprifuoco: «Stiamo tornando a casa dopo una festa con amici». Multati

  • Morta in un incidente, raccolta fondi per la famiglia di Alessandra Parente: donati gli organi

Torna su
GenovaToday è in caricamento