Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Carignano / Via Corsica

Sequestrato e rapinato, un'ora da incubo per un ventenne

Mentre si trovava in piazza Caricamento, presso il capolinea del 13, è stato avvicinato da quattro persone. Uno ha iniziato a minacciarlo, chiedendogli di consegnar loro del denaro

La polizia di Genova ha proceduto al fermo di quattro romeni, di età compresa tra i 21 e i 26 anni, tutti con precedenti di polizia e senza fissa dimora, gravemente indiziati dei delitti di rapina e sequestro di persona ai danni di un 20enne genovese.

Il giovane si è presentato ieri sera alle 19.30 presso l'ufficio denunce della questura per sporgere denuncia di una rapina appena subita. La vittima ha raccontato che verso le 18 si trovava in piazza Caricamento, presso il capolinea del 13, quando è stato avvicinato da quattro persone, presumibilmente originari dell'est Europa.

Uno dei quattro in particolare, spalleggiato dagli altri tre, ha iniziato a minacciarlo, chiedendogli di consegnar loro del denaro. Nonostante il rifiuto da parte del giovane, che non aveva denaro contante, le richieste di soldi si sono fatte sempre più insistenti fin quando il più spavaldo del gruppo lo ha afferrato per il braccio e, accompagnato dagli altri, lo ha obbligato a percorrere via di Sottoripa e a imboccare la circonvallazione a mare.

A metà di corso Saffi il malvivente ha estratto un coltellino e, minacciando il 20enne, gli ha detto che avrebbe dovuto prelevare 150 euro da un bancomat e consegnarglieli. Il gruppo ha proseguito verso via Corsica dove, a un bancomat, la vittima ha fatto quanto richiestogli.

A quel punto il rapinatore ha preteso altro denaro per i complici, ma il genovese ha iniziato a chiedere aiuto, attirando l'attenzione di alcuni passanti e facendo fuggire i quattro. La vittima ha potuto così rifugiarsi in un vicino bar, per poi allontanarsi a bordo di un autobus e recarsi in questura.

Gli agenti delle volanti, a quel punto, si sono recati con la vittima in via Corsica per individuare con esattezza il bancomat e, all'incrocio con via Fiodor, hanno notato una pattuglia dei carabinieri, che stava controllando quattro giovani. Il genovese ha subito riconosciuto il gruppo come gli autori della rapina.

I quattro sono stati pertanto identificati e sottoposti a perquisizione, che ha consentito di sequestrare la somma di 120 euro, parte del denaro sottratto alla vittima, a carico del giovane indicato come il più attivo del gruppo.

I quattro sono stati pertanto sottoposti a fermo e, al termine degli accertamenti, tradotti presso il carcere di Marassi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrato e rapinato, un'ora da incubo per un ventenne

GenovaToday è in caricamento