menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carenza di personale all'ospedale Galliera, a rischio molte analisi

Gravi carenze di personale all'ospedale Galliera, soprattutto nel reparto radiologia. Il rischio è la cancellazione di moltissime analisi: almeno 260 tac, 2.400 risonanze, 400 ecografie e 100 mammografie

Oggi durante il Consiglio regionale, Edoardo Rixi consigliere della Lega Nord ha portato all'attenzione della Giunta la situazione difficile dell'ospedale Galliera di Genova, Rixi ha puntato il dito sulla carenza di personale incalzando la Giunta sulle soluzioni da trovare in breve tempo per restituire un servizio sanitario adeguato ai bisogni della Liguria all'interno del nosocomio.

"Nonostante si tratti di uno dei principali plessi ospedalieri della Regione – ha detto Rixi - si verificano disfunzioni che causano disservizi agli utenti. A causa di una combinazione tra pensionamenti e trasferimenti, infatti, il reparto di radiologia ha meno personale: dal 1 giugno cinque medici radiologi, su un organico di diciassette, non sono più in servizio. Questo provocherà la cancellazione di moltissime analisi: almeno 260 tac, 2.400 risonanze, 400 ecografie e 100 mammografie, con conseguenti disagi per gli utenti. In vista dei tagli in altri ospedali, sarà anzi necessario potenziare questa struttura".

L’assessore alla salute Claudio Montaldo ha però voluto rassicurare il consigliere Rixi: "L’ospedale ha avanzato una serie di richieste alle quali la Regione ha già risposto per fronteggiare il turn over e garantire l’attività diagnostica. È stata autorizzata la copertura di due posti di dirigente medico in radiologia, tre contratti di collaborazione per tre medici per la radiodiagnostica (con fondi del Galliera) e altri due posti in radiologia, visto l’aumento di richieste dal pronto soccorso".

Ma il capogruppo del Carroccio ha replicato: "Questi sono solo tapulli e non migliorano il servizio. Le strutture sanitarie, sempre più concentrate, devono far fronte alle reali esigenze del territorio. La Regione deve chiedersi che sanità vuole offrire ai liguri. Il Ponente genovese è completamente privo di presidi, mi auguro che con la votazione del bilancio la Giunta inverta la rotta e decida di investire i soldi derivanti dall’alienazione del patrimonio immobiliare delle Asl per fare in modo di rimodernare i servizi e rispondere alle carenze di personale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento