rotate-mobile
Cronaca Marassi

Detenuto malato sputa in faccia a un poliziotto, un altro sradica un termosifone

Il segretario regionale della Uil Polizia Penitenziaria Fabio Pagani ha denunciato due nuovi episodi di violenza avvenuti all'interno del penitenziario genovese

Ancora disordini nel carcere di Marassi a Genova. Il segretario regionale della Uil Polizia Penitenziaria Fabio Pagani ha denunciato due nuovi episodi di violenza avvenuti all'interno del penitenziario genovese.

"Nella giornata di sabato 4 dicembre - ha raccontato Pagani - un detenuto di origini magrebine affetto da Hcv (Epatite C attiva) ha sputato sul volto di un poliziotto in servizio nella sesta sezione del carcere. Contemporaneamente un detenuto di origini africane ha sfasciato un'altra cella presso il Centro Clinico dell’Istituto, dopo aver sradicato un termosifone ha allagato l'intero piano detentivo"

"Ancora una volta - prosegue Pagani - sollecitiamo l'amministrazione penitenziaria a opportune valutazioni su quanto avviene nel carcere di Marassi. Il collega preso a sputi da un detenuto malato di epatite è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso, ormai abbiamo perso il conto dei poliziotti feriti, stavolta si rischia anche un contagio. Un quadro preoccupante, con scelte dei vertici che noi reputiamo sbagliate e inopportune e una scarsa capacità organizzativa e di gestione. Ci auguriamo che i controlli clinici che il poliziotto sta effettuando diano esito negativo, da parte nostra massima solidarietà e vicinanza per quanto accaduto".

"Auspichiamo - conclude il segretario regionale dela Uil Polizia Penitenziaria - che vengano presi immediati provvedimenti nei confronti dei detenuti violenti, oltre al trasferimento in altro carcere, così come previsto da una circolare di recente, l’istituzione, presso il carcere di Genova, di una sezione per detenuti violenti".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto malato sputa in faccia a un poliziotto, un altro sradica un termosifone

GenovaToday è in caricamento