Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Quarto / Viale Ammiraglio Giorgio Des Geneys

Undici chili di cocaina nascosti nelle minigonne dell'auto

C'è anche un albergatore di Quarto fra gli arrestati nell'ambito di una vasta operazione anti droga dei carabinieri, a cavallo fra le province di Genova, Cuneo e Torino. In totale sono nove le persone finite in manette

C'è anche un albergatore di Quarto fra gli arrestati nell'ambito di una vasta operazione anti droga dei carabinieri, a cavallo fra le province di Genova, Cuneo e Torino. In totale sono nove le persone finite in manette, fra cui un albergatore-ristoratore di Quarto.

L'indagine ha preso il via a gennaio 2012 quando gli inquirenti hanno cercato di fare luce su gravi episodi di violenza commessi a danno di romeni nella zona di Sampierdarena. Il primo il 4 gennaio presso il bar Italia, dove un romeno venne preso a bastonate da un gruppo di albanesi. Poi il 23 gennaio alla discoteca Le Club nei pressi di largo Jurse: in questo caso ad avere la peggio è stato un romeno la cui fidanzata si prosituiva.

In un primo tempo dunque le indagini si sono concentrate sulla contesa per il controllo del territorio dove far prostituire le giovani straniere. Ma in breve gli investigatori si sono resi conto che il meretricio era solo un'attività marginale per la banda, attiva soprattutto nel traffico di droga.

La svolta arriva il 13 giugno 2012, quando i militari intercettano un'auto, una Opel con targa tedesca, proveniente dalla Germania, su cui vengono trovati 11 chili di cocaina, suddivisa in altrettanti panetti. In manette finiscono due albanesi residenti a Carmagnola, vicino Torino. Ai due vengono sequestrati anche 42 mila euro, probabile provento dell'attività illecita.

La cocaina si trovava all'interno di un vano, creato appositamente al di sotto delle portiere dell'auto, dove si trovano le cosiddette 'minigonne'. Da lì gli inquirenti hanno avanzato diverse richieste di custodia cautelare, di cui nove accolte dal gip Baldini.

Nel frattempo, altri appartenenti alla banda sono tornati nel paese d'origine, dove sovente, spiegano i carabinieri, questi soggetti tornano per avviare attività lecite con il denaro accumulato in Italia spacciando droga.

L'albergatore di Quarto è stato trovato con sei grammi di cocaina e cinque mila euro: sarà processato per direttissima e a breve potrebbe tornare in libertà. I pesci grossi erano altri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici chili di cocaina nascosti nelle minigonne dell'auto

GenovaToday è in caricamento