menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capolungo: un contenzioso blocca i lavori sulla frana

La perizia ha escluso ogni correlazione tra costruzione delle villette e smottamento: "Non sono emersi altri aspetti di rilievo che possano essere considerati in concausa del fatto"

È l’alba del 19 gennaio 2014, quando una frana si stacca nella frazione di Capolungo, tra Nervi e Bogliasco, cadendo in mare e lasciando cinque palazzine dell’800 sospese nel vuoto. Poche ore prima gli abitanti di quelle stesse villette erano stati evacuati. Da allora nulla è cambiato.

Un tentativo di autogestione da 300mila euro mirato al rientro nelle proprie abitazioni si è  scontrato contro conferenze dei servizi, ufficio paesaggistico, Soprintendenza, mancanza di fondi, Ferrovie. Fino ad arenarsi.

Un continuo palleggio di competenze e responsabilità sfociato in un contenzioso civile tra enti pubblici e privati. I giorni scorsi il responso della consulenza tecnica d’ufficio disposta dalla magistratura. Sarebbe stato necessario “proteggere la falesia che rischiava di essere scalzata, come è stato”, scrivono i tecnici. Da tempo si sapeva che la zona era a rischio, tanto che i tratti di costa ai lati della scogliera franata erano stati consolidati.  "Solo sotto il tratto di scogliera crollato non è stato adottato nessun accorgimento di difesa". La perizia ha, inoltre, escluso ogni correlazione tra costruzione delle villette e smottamento: "Non sono emersi altri aspetti di rilievo che possano essere considerati in concausa del fatto". 

Ora il giudice dovrà stabilire a chi sia imputabile la mancata osservanza degli obblighi di protezione di quel tratto preciso di costa. Ma i periti premono per un avvio dei lavori di consolidamento il più presto possibile. Prima che inizi la stagione delle piogge. E magari prima che sia troppo tardi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, focolaio all'ospedale Galliera

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento