Cronaca

Capodanno e spray al peperoncino: Genova tra le (poche) città che lo consentono

Tante grandi città come Torino, Venezia, Milano, Bologna e Firenze lo hanno vietato, spray urticante permesso invece a Roma e Napoli

Sì allo spray al peperoncino come strumento di difesa nella notte di Capodanno, ma solo se tenuto in borse, marsupi o zaini, tenerlo in mano è infatti vietato. La scelta del Comune di Genova, in controtendenza rispetto alle grandi città italiane, fa discutere. 

Capodanno a Genova: tutti i divieti 

Secondo quanto disposto in termini di sicurezza dall'amministrazione comunale, infatti, limitatamente al territorio di Piazza de Ferrari compresa nel perimetro tra le vie Vernazza, XX Settembre, Dante, Petrarca, Cradina Boetto, Salita del Fondaco, Vico San Matteo, vico Falamonica, via Alla Cassa di Risparmio, via XXV Aprile incrocio via Roma e Piazza Labò, dalle ore 20 del 31 dicembre 2018 alle ore 7 del 1° gennaio 2019, è vietata la detenzione, in modalità che ne consentano l’immediato utilizzo, di dispositivi contenti spray urticante. In particolare, all’interno del suddetto perimetro, i dispositivi in questione, anche per scongiurare accidentali fuoriuscite del prodotto urticante, non potranno essere portati indosso alla persona ma esclusivamente in zaini, borse o simili. 

Una scelta che fa discutere anche alla luce degli ultimi tragici fatti di Corinaldo con sei persone che hanno perso la vita in una discoteca nella calca che si è generata dopo che un minore ha azionato uno spray urticante. Tra le grandi città, in vista del Capodanno in piazza, ci sono quelle che hanno vietato l'utilizzo del dispositivo, come Torino dove l'accesso a piazza Castello sarà regolamentato da otto varchi controllati, Venezia, Milano (l'area di piazza Duomo sarà blindata con nove varchi e metal detector), Bologna, Firenze (tra i primi a vietarlo già nel 2017).

In controtendenza non solo Genova, ma anche Roma dove la sindaca Raggi ha spiegato che non ci sarà nessun divieto per le bombolette di spray per l'autodifesa. Nessun divieto nemmeno a Napoli, ma le forze dell'ordine sono state istruite a tenere altissima l'attenzione con una task force di agenti, anche in borghese, pronti a identificare eventuali malintenzionati armati di spray al peperoncino.

L'assessore del Comune di Genova Paola Bordilli ha rivendicato e difeso la scelta dell'amministrazione comunale spiegando: «Al Capodanno di Genova, in Piazza De Ferrari, si potrà tranquillamente, e giustamente, portare lo spray al peperoncino quale utile strumento di autodifesa. Ricordate solo di portarlo, come già io e molti altri facciamo sempre, in borse, zaini, marsupi o similari».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno e spray al peperoncino: Genova tra le (poche) città che lo consentono

GenovaToday è in caricamento