menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Capodanno, niente botti come da regolamento

Vietato l'utilizzo "in tutte le vie, piazze e aree pubbliche ove transitano o siano presenti delle persone". E la Protezione animale lancia lo slogan: "Spegni i botti, accendi il cervello"

L'amministrazione comunale, in vista della notte di San Silvestro, informa i cittadini sulle norme di Polizia urbana in materia di "botti", petardi e simili.  Da palazzo Tursi si ricorda che "ne è vietato l'utilizzo in tutti i luoghi coperti o scoperti, pubblici o privati in cui si svolgono manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico di qualsiasi tipo”. Il divieto include “tutte le vie, piazze ed aree pubbliche ove transitano o siano presenti delle persone” e “all’interno di asili, scuole, ospedali, case di cura, comunità, uffici pubblici e ricoveri di animali (esempio canile e gattile), nonché entro un raggio di 200 metri da tali strutture”.

Il Comune comunica anche le regole per l'acquisto e la vendita dei bottii: “la vendita negli esercizi commerciali abilitati e? consentita esclusivamente nel rigoroso rispetto dei limiti e delle modalita? stabilite dalla legge, con particolare riguardo al quantitativo massimo che puo? essere detenuto presso ciascun punto vendita, all'etichettatura e alle norme poste a tutela dei minori".

I venditori abusivi o itineranti sono quindi avvertiti: "In caso di accertata inosservanza, il Comune, valutata la gravita? dell'infrazione, potra? disporre, in aggiunta alle altre sanzioni e all'eventuale sequestro della merce irregolarmente venduta, il divieto di prosecuzione della vendita. In considerazione del particolare rischio che si potrebbe configurare e? vietato il commercio in forma itinerante di artifici pirotecnici”.

Il regolamento di Polizia urbana fa anche appello a "non usare botti di Capodanno nei locali privati dove possano arrecare rischi o comunque disagi alle altre persone e causare traumi agli animali". A fare da coro al Comune è l'OIPA, l'organizzazione internazionale protezione animali di Genova e provincia, che ricorda sulla sua pagina Facebook come i botti "fanno morire tanti animali di crepacuore, fanno fuggire cani e gatti che poi provocano incidenti, uccidono uccellini e altri animali che vivono nella nostra città, feriscono uomini e bambini e inquinano l'ambiente"

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento