rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cronaca

Genova capitale del libro 2023, Bucci: "Biblioteche aperte anche di notte"

Giovedì 9 marzo si è svolta la proclamazione a Roma, il sindaco commenta: "Contento e orgoglioso di quanto fatto dalla nostra città, un riconoscimento che innalzerà il livello culturale"

Genova è la Capitale italiana del Libro 2023. Giovedì 9 marzo si è svolta la proclamazione a Roma, nella sala Spadolini del Ministero della cultura, alla presenza del ministro Gennaro Sangiuliano, del direttore generale della direzione generale Biblioteche e Diritto d’Autore, Paola Passarelli; del presidente della giuria Francesco Perfetti e del presidente del Centro per il Libro e la Lettura Marino Sinibaldi. Collegato anche il sindaco Marco Bucci. La Superba ha superato la concorrenza di Firenze, Lugo (Ravenna), Nola (Napoli), San Quirico d’Orcia (Siena) e San Salvo (Chieti).

"Per l'ampiezza e l'organicità della proposta culturale"

La motivazione del premio: "Genova premiata per l'ampiezza e l'organicità della sua proposta culturale. La scelta ha tenuto presenti i programmi di valorizzazione e integrazione tanto dell'articolato sistema bibliotecario comunale quanto più in generale delle collezioni e del patrimonio storico e culturali con iniziative che vanno dalle visite virtuali alle mostre contemporanee, dalle attività formative del corpo docente al coinvolgimento di giovane e anziani nei programmo di lettura. Apprezzate anche altre iniziative come il Festival della scienza, le mostre dell'editoria e le fiere del libro che contribuiscono a rendere il libro strumento di crescita civile e integrazione sociale. Apprezzata anche la capacità di fare sistema".

Bucci: "Apriremo le biblioteche anche di notte"

Soddisfatto per il riconoscimento il sindaco Bucci, che ha commentato: "Sono commosso, contento e orgoglioso di quanto fatto dalla nostra città. Nonostante tutto quello che è successo negli anni precedenti abbiamo creato una rete, una sistema integrato di cultura, che ovviamente in questo caso pone il libro, biblioteche e archivi, come priorità, ma che comprende tutto. Architettura, arte e pittura, che fanno quella rete assolutamente unica e di cui siamo assolutamente orgogliosi".

Genova capitale del libro, Sgarbi: "Scelta inevitabile ma sbagliata"

"Un riconoscimento - ha aggiunto - che contribuirà all'innalzamento del livello culturale della città, coinvolgendo cittadini, turisti, giovani e anziani, operatori economici e turisti, che poi sono la ricchezza della nostra Genova. Investiremo sulle biblioteche e abbiamo l'idea di aprire biblioteche e archivi anche in orari serali e notturni. Strutture aperte per tutte le 24 ore per leggere e studiare. Coinvolgeremo persone importanti per la lettura di libri, magari a teatro, e ringrazio tutto il team di lavoro".

Il premio e il progetto

Ogni città finalista aveva presentato un progetto, la vittoria genovese vale un finanziamento da 500mila euro per la realizzazione. 'A Pagine spiegate' ha convinto la giuria e propone di mettere in rete l’intera città con lo scopo di consolidare il sistema culturale e, attraverso questo, aumentare la coesione territoriale. Tra gli obiettivi di sviluppo e trasformazione che questo progetto intende perseguire c’è il lavoro con e per le comunità, che vede il libro e quanto idealmente da esso deriva come motore verso la consapevolezza. Il titolo scelto è mutuato dal linguaggio marinaro e dalla tradizione marittima che da sempre caratterizza la città di Genova: le vele si spiegano per raccogliere tutto il vento possibile. Così può accadere per questa città: le pagine vengono spiegate - aprendo i libri, rendendoli accessibili, dando forma a storie e memoria, per essere strumenti, proprio come vele al vento, di conoscenza, valorizzazione e crescita ma anche di cittadinanza e movimento verso il futuro. La proposta, che individua Palazzo Ducale come soggetto attuatore, prevede un vasto numero di attività sul territorio che va da letture pubbliche a interventi strutturali alle biblioteche cittadine, dalle attività educative all’acquisto volumi, dalle mostre con protagonisti i libri a una particolare edizione dei Rolli days. Il dossier di candidatura è stato presentato da Giacomo Montanari, coordinatore del Tavolo della cultura, e Serena Bertolucci, direttrice di Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura.

Toti: "Occasione unica per far conoscere il nostro patrimonio culturale"

In un comunicato il presidente della Regione Giovanni Toti e il sindaco Bucci hanno poi aggiunto: "La proclamazione dimostra come la nostra città stia diventando sempre di più un punto di riferimento nel panorama culturale italiano anche grazie alla ricchezza e all’effervescenza delle sue istituzioni culturali. Promuovere la lettura e le diffusione dei libri sarà un’occasione unica anche per far conoscere il nostro patrimonio culturale, con mostre e manifestazioni di alto livello che, oltre a essere un arricchimento per tutta la Liguria, rappresentano anche un’importante attrattiva dal punto di vista turistico, con numeri che confermano quanto la promozione del nostro territorio stia portando i risultati che ci eravamo prefissati. Un grande lavoro svolto non sono in Italia ma anche a livello internazionale e siamo certi che questo autorevole traguardo porterà ancora più prestigio al capoluogo ligure a livello culturale e turistico. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno lavorato incessantemente per arrivare a questo enorme riconoscimento, in particolare all’onorevole Ilaria Cavo per averci sempre creduto".

Cavo: "Nuova sfida per tutto il sistema culturale"

E proprio Ilaria Cavo, deputata ligure di Noi Moderati, sottolinea: "Una grande opportunità, un importante riconoscimento e una nuova sfida, per Genova e per tutto il sistema culturale ligure che si riconferma protagonista del panorama nazionale. Il riconoscimento è per il Comune, al sindaco Marco Bucci, a cui va il plauso di avere presentato la candidatura, a tutto il sistema, a tutti noi che nei vari ruoli l'abbiamo sostenuta con la capacità confermata di palazzo Ducale di essere l'hub culturale, con capacità di progettare e aggregare. Il progetto da oggi dispiega le sue vele. Dovrà farlo in velocità, anche se inevitabilmente le iniziative potranno sforare anche nei primi mesi del prossimo anno".

Costa: "Palazzo Ducale luogo di cultura e accessibilità"

"Accogliamo questa notizia con grande orgoglio e soddisfazione - conclude il presidente di Palazzo Ducale Beppe Costa - perché dimostra ancora una volta la forza e le potenzialità di palazzo Ducale come luogo della cultura, di accessibilità, di valorizzazione. E sabato facciamo il primo passo di questo cammino aprendo al pubblico la mostra di Man Ray con una straordinaria sezione dedicata ai libri surrealisti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Genova capitale del libro 2023, Bucci: "Biblioteche aperte anche di notte"

GenovaToday è in caricamento