menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cani avvelenati: una taglia sulla testa del killer

Per la serie 'proprietari di cani unitevi' la caccia al killer o ai maniaci che seminano polpette avvelenate si fa sempre più seria. Il popolo del web si è organizzato su facebook con la pagina Segnalazioni bocconi avvelenati a Genova e provincia

Genova - Per la serie 'proprietari di cani unitevi' la caccia al killer o ai maniaci che seminano polpette avvelenate si fa sempre più seria. E per difendere il proprio cucciolo da queste trappole il popolo del web si è organizzato.

Segnalazioni bocconi avvelenati a Genova e provincia è un gruppo nato da poco su facebook ma che conta già quasi 500 aderenti. In poche righe l'amministratore della pagina spiega gli intenti. «Questo gruppo vuole definire una mappa delle zone più a rischio per i nostri amici nell'area di Genova e provincia. Postate i ritrovamenti di bocconi sospetti e le (spero poche) eventuali vittime. Dedicato a Stella, assassinata il maledetto giorno 11 luglio 2012 da un bastardo che non smetterò mai di cercare. Si prega di rimanere in argomento, post non attinenti saranno rimossi».

L'altra controffensiva parte dal Tigullio. Alcuni animalisti, che preferiscono al momento rimanere anonimi, hanno deciso di mettere una taglia sul killer. Chi dovesse contribuire a consegnarlo alla giustizia avrà in premio 500 euro. Ma la cifra potrebbe salire con il contributo di altri volonterosi.

L'allarme polpette avvelenate è scattato nel quartiere di San Teodoro, per poi allargarsi a macchia di leopardo ad altri quartieri. Secondo alcune testimonianze si tratta di palline di carne con all'interno schegge di vetro. Quando il nostro cane pianta il tartufo a terra controlliamo cosa sta perlustrando. E durante le passeggiare cerchiamo di non dimenticare mai i sacchettini per raccogliere i suoi rifiuti solidi. Se possedere un cane è un diritto, lo è anche camminare su un marciapiede senza dover fare lo slalom.

Un ultimo appello. Evitiamo episodi di giustizia privata. Chi dovesse individuare uno o più individui depositare polpette eviti di prendere iniziative violente e avvisi subito le autorità competenti. Non vorremo trovarci qui a riportare episodi di 'gattare' prese a bastonate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento