Cronaca

Terzo Valico: amianto nel cantiere di Campomorone, No Tav sul piede di guerra

A pochi giorni dallo stop forzato per il ritrovamento di rocce amiantifere durante gli scavi in frazione Crasasco, i residenti chiedono un incontro con il sindaco Guidi: «Le rassicurazioni non bastano»

Un incontro con il sindaco di Campomorone, Paola Guidi, per avere chiarimenti e rassicurazioni in merito allo stop forzato del cantiere per i lavori del Terzo Valico in frazione Crasasco, dallo scorso 30 luglio fermo perché al suo interno sono state trovate tracce di amianto: questo quanto chiedono i membri del comitato Val Verde No - Tav, preoccupati per le conseguenze che le rocce amiantifere potrebbero avere sui cittadini.

«Nel luglio 2013 in un’assemblea pubblica a Isoverde il dirigente del reparto Oncologico di Alessandria spiegò bene quali sono i rischi di respirare la fibra di amianto e spiegò anche come non esista una soglia minima di rischio, potenzialmente respirare una sola fibra può portare ad ammalarsi», è la denuncia del comitato, che ha aggiunto che «in presenza di rocce amiantifere durante gli scavi in galleria deve essere predisposta una lunga, complessa e costosa serie di procedure per isolare le parti contaminate e mettere in sicurezza gli operatori e le persone che vivono nei dintorni. Procedure che nei progetti del Terzo Valico non sono mai state volutamente chiarite». Da qui la decisione di riunirsi martedì 4 agosto alle 17 davanti a palazzo Balbi, a Campomorone, per un incontro chiarificatore con il sindaco e con i rappresentanti del Cociv, il consorzio cui sono stati affidati i lavori per il Terzo Valico.

Era stato proprio il Cociv a dare notizia della chiusura del cantiere dopo il ritrovamento delle rocce amiantifere durante gli scavi, assicurando l’intenzione di rimuovere tutto il materiale nel più breve tempo possibile: “Tutti i protocolli d'allerta sono già in essere, verrà rimosso in sicurezza tutto il materiale amiantifero. Voglio rassicurare i cittadini perché tutti i controlli fatti costantemente da Asl e Arpal all'ingresso dello scavo non registrano la presenza di amianto nell'aria”, aveva spiegato il sindaco Guidi a margine della presentazione dei lavori tra zona Campomorone, Bolzaneto e Ceranesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terzo Valico: amianto nel cantiere di Campomorone, No Tav sul piede di guerra

GenovaToday è in caricamento