rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Centro / Via Luigi Cadorna

Semafori su rampa per disabili, Tursi: «Non abbiamo pagato nulla per rimetterli a posto»

L’assessore Fanghella: «La società responsabile dell’installazione ha provveduto a spostarli, l’Amministrazione non ha pagato nulla»

Il caso dei pali del semaforo costruiti in corrispondenza delle rampe per disabili sul nuovo attraversamento pedonale di via Cadorna è approdato anche in Consiglio Comunale, successivamente all'intervento riparatore di Aster, avvenuto poche ore dopo la segnalazione che ha fatto il giro del web.

A sollevare la questione Cristina Lodi del Partito Democratico che ha chiesto come sia stato possibile un tale errore, che ha reso le rampe inutilizzabili. E ancora: «A chi verranno addebitati i costi per la rimozione dei pali? Senza contare che vi sono anche dei costi umani, che meritano una dichiarazione di scuse ufficiali alla città e, soprattutto, alle associazioni a tutela dei disabili».

L’assessore a Lavori Pubblici e Manutenzioni Paolo Fanghella ha risposto: «Questa situazione è stata un po’ “cavalcata”. Questi semafori avrebbero dovuto essere installati per consentire l’attraversamento delle persone che volevano andare al mercatino di Natale. Sono stati installati tenendo conto dei limiti minimi per il passaggio, in quanto in quel momento c’erano degli ingombri che, ora, non ci sono più. A questo punto la società Itinera, responsabile dell’installazione, ha provveduto a spostarli, in modo da aumentare la larghezza: centimetri in più oltre i limiti, comunque, di legge. L’Amministrazione non ha pagato nulla per questo lavoro, in quanto è in capo alla società che si occupa dei lavori della messa in sicurezza del Bisagno».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Semafori su rampa per disabili, Tursi: «Non abbiamo pagato nulla per rimetterli a posto»

GenovaToday è in caricamento