Rissa nel centro di accoglienza, cinque migranti denunciati

Oltre ai carabinieri, a sedare gli animi ci hanno pensato i responsabili della cooperativa, che gestisce la struttura a Busalla. In due sono finiti in ospedale

Cinque migranti sono stati denunciati dai carabinieri per aver dato vita a una rissa presso il centro di accoglienza, gestito dalla cooperativa 'Liberi tutti' a Busalla. Si tratta di quattro giovani di origini pachistane e di un nigeriano.

In due sono finiti in ospedale: il nigeriano ricoverato al Villa Scassi in trattamento sanitario obbligatorio poiché soggetto a crisi nervose e un pachistano, giudicato guaribile in una trentina di giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai carabinieri, a sedare gli animi ci hanno pensato i responsabili della cooperativa. Stando a quanto appreso dai militari, la rissa sarebbe scoppiata per futili motivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento