menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporto pubblico, corteo in centro

Protesta dei lavoratori tra piazza Dante e la Prefettura

Giornata calda oggi per il trasporto locale. Oltre allo sciopero dei mezzi pubblici, stamani a Genova i lavoratori hanno organizzato una protesta proprio in contemporanea alla riunione del Consiglio regionale, in cui si affronta questo delicato tema. Il corteo è partito da piazza Dante ed è arrivato davanti alla Prefettura, in largo Lanfranco, passando per via XX Settembre e via Roma. 

«La speranza è l'ultima a morire, ma siamo abbastanza certi ormai che la direzione presa dalla Regione sia quella del bacino multiplo - ha detto Antonio Vella, di Fit Cisl Liguria - Quello che chiediamo noi è quantomeno di essere coinvolti a livello tecnico prima di stabilire i confini dei bacini, in modo da avere voce in capitolo per quanto riguarda le tutele occupazionali ed economiche dei lavoratori, oggi fortemente a rischio». 

La richiesta dei sindacati, a margine del Consiglio a porte chiuse, è che venga rimandata almeno a settembre la modifica alla legge regionale, che comporterebbe la divisione in quattro bacini di competenza del trasporto pubblico. La sensazione di molti lavoratori è che la riunione di stamani sia più di forma che di sostanza e che le decisioni siano già state prese in altra sede. Invece di un bacino unico si andrà probabilmente verso la divisione in quattro province e saranno istituite delle gare d'appalto, come conferma Antonio Cannavacciuolo di Uil Trasporti: «Con il frazionamento in lotti e, dato che secondo la legge per partecipare alla gara devi avere 20% del valore messo a Gara, il valore scende. Così facendo si dà la possibilità di partecipare anche ad aziende piccole, che però non hanno mezzi né possibilità di intervenire, con conseguenze negative sia sulla qualità sul servizio sia sui lavoratori. È già successo in altre regioni d'Italia, con esito tristemente noto a tutti». Al termine del presidio in largo Lanfranco una delegazione sindacale ha incontrato il prefeto Fiamma Spena 

Ecco i dettagli dello sciopero dei mezzi pubblici nella giornata odierna.

Modalità:

Amt Genova
- il personale viaggiante si asterrà dal lavoro per l'intera giornata, il servizio sarà garantito nelle due fasce: dalle 6 alle 9 e dalle 17.30 alle 20.30;
- il restante personale si asterrà dal lavoro per l'intero turno (compreso il personale di biglietterie, esattoria e servizio clienti).

Ferrovia Genova-Casella
- il personale viaggiante si asterrà dal lavoro per l'intera giornata, il servizio sarà garantito nelle due fasce: dalle 6.30 alle 9.30 e dalle 17.30 alle 20.30;
- il restante personale si asterrà dal lavoro per l'intero turno.

Il servizio sarà garantito per le persone portatrici di handicap.

In occasione dell'ultimo sciopero del 5 aprile 2016, proclamato dalle stesse organizzazioni sindacali, le astensioni dal lavoro dei dipendenti hanno avuto un'incidenza sul servizio programmato pari al 77% nel servizio urbano, 60% per gli impianti speciali, 92% nella metropolitana e il 30% nel servizio della Ferrovia Genova-Casella.

Lo sciopero coinvolge anche le corriere di Atp: servizio garantito nelle fasce orarie 6-9 e 17-20.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Genova usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    TikTok sbarca in Liguria con la campagna #tiraccontolitalia

  • Costume e società

    Genova, quando i bambini andavano al mare con le "braghe redoggiae"

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento