menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sampierdarena, coltello alla gola durante rapina in tabaccheria: «Il Comune ci aiuti»

Dario Cacioppo è il titolare di un esercizio commerciale di via Buranello. Domenica il padre, Elio, è stato minacciato da un uomo che gli ha puntato una lunga lama contro intimando di consegnare l'incasso

«Siamo stanchi, le istituzioni sono assenti». Dario Cacioppo, 35 anni, abita e lavora a Sampierdarena ed è il titolare di una tabaccheria di via Buranello. La stessa tabaccheria che negli ultimi mesi è stata presa di mira da due rapinatori, l’ultimo dei quali è entrato in azione nel primo pomeriggio di domenica 2 giugno, puntando un coltello alla gola del padre di Giuseppe per ottenere i soldi.

Ai carabinieri di Sampierdarena, il 35enne ha riferito quanto a sua volta gli è stato riferito dal padre Elio: un uomo è entrato in tabaccheria poco prima delle tre del pomeriggio, si è avvicinato alla cassa impugnando un coltello “dalla lunga lama” e lo ha minacciato chiedendogli l’incasso. Fondamentale l’intervento della moglie, che notando la scena ha subito attivato l’allarme premendo il pulsante installato sotto il bancone e mettendolo in fuga.

Sampierdarena, tabaccaio minacciato con un coltello alla gola e rapinato | Video

L’intera scena, interminabili minuti di terrore, è stata ripresa dalle telecamere di sorveglianza di cui è dotata la tabaccheria, che hanno immortalato un uomo giovane, apparentemente tra i 25 e i 30 anni, con una t-shirt nera e un decoro bianco, che a volto scoperto arriva alle spalle del padre di Dario e gli punta il coltello alla gola. Pochi secondi e il giovane arretra, da uno sguardo in basso e poi scappa, mentre Elio lo insegue fuori dall’attività.

«Siamo lasciati soli al nostro destino, le istituzioni sono assenti, non c'è nessuno che ci protegge - si sfoga Giuseppe - la seconda rapina che subiamo, non si può lavorare e continuare così. Le forze pubbliche inesistenti, nessuno fa niente, la giunta il sindaco se ne fregano, non stanno minimamente tutelando i cittadini». Sull’episodio, l’ennesimo, indagano i carabinieri di Sampierdarena, cui il 35enne ha sporto denuncia. Prenderanno visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza e cercheranno di risalire all’identità del rapinatore, che non si è preoccupato di nascondere il volto, forse ignaro della presenza di telecamere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento