Cronaca Oregina

Oregina, scritta con minacce di morte al sindaco Bucci

A denunciare l'episodio il deputato Edoardo Rixi, commissario della Lega in Liguria: «Le scritte contro il sindaco di Genova, ma anche Matteo Salvini e Giorgia Meloni sono un attacco diretto alla democrazia e non devono essere sottovalutate, né derubricate a ragazzata»

Scritte sul muro con minacce di morte al sindaco di Genova Marco Bucci e ai leader di Fratelli d'Italia e della Lega Matteo Salvini e Giorgia Meloni. A denunciare l'episodio il deputato Edoardo Rixi, commissario della Lega in Liguria, attraverso una foto scattata nel quartiere di Oregina.

«Sono un attacco diretto alla democrazia - ha scritto in una nota Rixi - . Le scritte comparse in queste ore in alcune strade di Genova non devono essere sottovalutate, né derubricate a ragazzata. Sono le stesse strade in cui si trovano ancora frasi che esaltano le Brigate Rosse e la lotta armata, di vecchia e nuova manifattura».

«Genova - ha concluso il deputato ligure - è la città in cui di recente sui social circolava la foto choc di Salvini imbavagliato come Aldo Moro nella ‘prigione del popolo’. Ci auguriamo una condanna anche dalle forze di sinistra, senza ambiguità e a voce alta, contro chi predica l’uso della P38 per eliminare i rappresentanti dello Stato».

Condanna che è arrivata dal Partito Democratico genovese, che in una nota ha scritto: «Solidarietà al sindaco Bucci e agli esponenti della destra verso cui sono state rivolte gravi minacce di morte. Ci auguriamo che le forze dell’ordine facciano luce su quanto avvenuto e individuino gli autori delle scritte comparse su alcuni muri del quartiere di Oregina, un gesto vigliacco e che esprime una violenza contro la quale la politica tutta deve opporsi ogni giorno portando avanti percorsi di confronto democratico».

Solidarietà al sindaco anche da parte dell'Anpi: «Evocare le P38 e augurare la morte al sindaco Marco Bucci e ad esponenti politici di destra, come si legge nella scritta apparsa stamani su un muro del quartiere di Oregina, è doppiamente ignobile. Perché il terrorismo non è e non sarà mai un metodo di lotta politica. E perché in quello stesso quartiere fu ucciso dalle Br l’operaio e sindacalista Guido Rossa: la scritta è un insulto alla città che mai ha temuto di rispondere alla violenza con la tenuta dei valori democratici. Che sono valori condivisi e non di parte. Al sindaco Marco Bucci la solidarietà quindi del Comitato Provinciale Anpi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oregina, scritta con minacce di morte al sindaco Bucci

GenovaToday è in caricamento