Genova, botti e fuochi d'artificio per Capodanno nonostante i divieti

L'ordinanza serviva anche a tutelare gli animali - oltre che le persone - che invece hanno assistito ugualmente a un "concerto" di botti e fuochi d'artificio

Doveva essere un Capodanno senza "botti" quello di Genova, e il Comune aveva anche firmato un'ordinanza con sanzioni fino a 500 euro.

E invece per tutta la serata sono stati molti i cittadini che non hanno rispettato i divieti, con botti, petardi e fuochi d'artificio in grande quantità (guarda il video).

Lasciandosi andare all'entusiasmo dell'addio al 2020, in tanti si sono organizzati da balconi e giardini privati, ma comunque non manca neppure chi è uscito nonostante il coprifuoco, e sono tanti i cassonetti andati in fiamme durante la notte per le strade della città. In via Perlasca - probabilmente per un fuoco d'artificio - ha anche preso fuoco un capannone. Decine gli interventi dei vigili del fuoco.

Sempre per quanto riguarda la notte di Capodanno, dalla mezzanotte alle 8 del 1 gennaio sono stati effettuati 21 accessi al pronto soccorso dell'ospedale San Martino, di cui 5 strettamente legati alla nottata di festeggiamenti. Inoltre si segnala la caduta di due ragazzi dal terrazzo di casa a Molassana, da un'altezza di 3 metri.

L'ordinanza serviva anche a tutelare gli animali - oltre che le persone - che invece hanno assistito ugualmente a un "concerto" di botti e fuochi d'artificio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

  • Liguria gialla o arancione da domenica, attesa per la nuova ordinanza

  • Bassetti: «Gli studi seri dimostrano che il plasma iperimmune è come non usare nulla»

Torna su
GenovaToday è in caricamento