"Botti" di Capodanno, chi dice no e chi invita al "buon senso"

Tra chi si schiera contro petardi e altri artifici pirotecnici, incubo per gli animali, ci sono Santa Margherita e Sestri Levante. Molti i sindaci che rimandano alla circolare della Prefettura

A pochi giorni dai festeggiamenti del Capodanno, sono moltissimi i padroni di cani e, in generale, di animali, che iniziano a temere per lo scoppio di petardi e in generale dei cosiddetti “botti” che per gli amici a quattro zampe (ma anche per anziani e bambini) tramutano le feste in veri e propri incubi.

A dettare le linee guida per l’accensione di petardi e fuochi d’artificio, in un’ottica di sicurezza, è la Prefettura, che ha inviato una circolare in cui invita a «un uso consapevole degli articoli pirotecnici» in occasione delle festività natalizie e di Capodanno. 

In particolare, la circolare si rivolge ai sindaci chiedendo loro di assicurarsi che i cittadini limitino al massimo l’utilizzo dei botti, privilegiando invece «l’impiego di prodotti meno invasivi e pericolosi, come per esempio i giochi di luce che producono effetti scenici gradevoli e meno dirompenti». Lo stesso concetto che era alla base della proposta che la consigliera M5S del Comune di Genova, Maria Tini aveva portato in consiglio comunale qualche settimana fa, e che era stata però bocciata.

A livello generale, la richiesta della Prefettura è comunque quella di assicurarsi che i cittadini evitino di accendere fuochi e petardi «nei luoghi di aggregazione, o comunque in tutti quelli affollati, nelle aree a rischio di propagazione incendi, nei pressi di ospedali, scuole, luoghi di culto, monumenti ed edifici di valenza storica, archeologica architettonica, naturalistica o ambientale».

Botti di Capodanno, ordinanze e inviti «al buon senso»

Un invito al buon senso, insomma, che alcuni sindaci hanno recepito come tale (la maggioranza) e che altri hanno invece declinato in apposita ordinanza, vietando i botti chi per determinate ore, chi per interi giorni. 

È il caso, per esempio, di Paolo Donadoni, sindaco di Santa Margherita Ligure, che ha firmato un provvedimento che vieta i “botti” su tutto il territorio comunale, sia in luoghi pubblici sia privati, il 31 dicembre e l’1 gennaio, e ancora di Valentina Ghio, sindaca di Sestri Levante, che ha istituito il divieto dalla mezzanotte del 30 dicembre a quella del 7 gennaio 2019 pena una multa che va dai 25 ai 500 euro. 

A Cogoleto, il sindaco Mauro Cavelli ha emanato un’ordinanza che vieta i botti con l’unica eccezione della finestra temporale che va dalle 23.45 del 31 all’una dell’1, invitando comunque alla prudenza nell’accensione: provvedimento simile a quello adottato dal sindaco di Bogliasco, Gianluigi Brisca, che ha istituito il divieto di botti nei giorni 31 e 1 salvo la fascia oraria compresa tra le 23 del 31 e le 2 del giorno 1.

Un appello al buon senso è arrivato invece dal sindaco di Rapallo, Carlo Bagnasco, che su Facebook ha chiesto di festeggiare «nel rispetto di tutti, persone (in particolare gli anziani) e animali, che purtroppo soffrono parecchio durante l'esplosione di petardi e affini», mentre diversi altri Comuni come Lavagna e Chiavari hanno rimandato alla circolare della Prefettura, che impone quantomeno di evitare l’accensione dei botti in luoghi di aggregazione e festeggiamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Botti vietati a Genova: tutte le modifiche e le informazioni utili 

Niente botti e fuochi artificiali a Genova. In occasione della notte di San Silvestro, l'amministrazione comunale ha richiamato tutti i cittadini al rigoroso rispetto delle norme per evitare danni alle persone e agli animali e garantire la sicurezza. Su tutto il territorio cittadino, dalle ore 20 del 31 dicembre alle ore 7 del 1° gennaio 2019, sarà quindi vietata la detenzione di ogni tipo di artificio pirotecnico e materiale esplodente in area pubblica e/o aperta al pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

  • Non rispettano tempi di riposo, pioggia di multe per autisti di mezzi pesanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento