menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borse di studio, potranno farne richiesta 20mila studenti

Alzati i livelli di reddito e aumentati i livelli di rimborso per libri di testo e frequenza

Ventimila studenti delle scuole elementari, medie e superiori potranno chiedere una borsa di studio per il rimborso dei libri di testo o della retta scolastica. 
Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la Proposta di delibera 31: Modifiche alla deliberazione del Consiglio regionale-Assemblea Legislativa della Liguria 1 giugno 2011 n. 13 “Piano regionale per il diritto allo studio del sistema scolastico e formativo anni 2011-2013".  

Nell'ultimo anno scolastico la platea di potenziali richiedenti e beneficiari era esattamente la metà. Il consisente allargamento è stato possibile grazie a una modifica del piano regionale per il diritto allo studio, approvato all'unanimità dal consiglio regionale, che estende i requisiti di reddito e aumenta il contributo erogabile dalla Regione. 
Il provvedimento permette di recuperare i residui non spesi nel 2015 (pari a 241 mila euro) che, essendo vincolati a questa voce di spesa, non potevano essere impiegati diversamente. Questi residui verranno sommati ai 600mila euro di contributo regionale previsti per il 2016. Per favorire il pieno utilizzo delle cifre messe a disposizione, la proposta di deliberazione approvata introduce alcune importanti novità: la soglia massima reddituale (con attestazione Isee) per accedere alla borsa di studio passa da 30mila a 50mila euro; vengono ampliate le percentuali delle spese rimborsabili definite su tre diverse fasce di reddito: il 60% per i redditi fino a 30mila euro, il 55% per i redditi dai 30 ai 40mila euro, il 50% per i redditi dai 40 ai 50mila euro. Viene, inoltre, abbassata da 50 a 20 euro la soglia minima del rimborso. 

Questa modifica consente di liberare tutte le risorse e di arrivare a un sostanziale raddoppio del numero degli aventi diritto aumentando, al contempo, l’ammontare del rimborso. È la prima volta che questo accade dal 2006 ad oggi. Per agevolare l’accesso alle borse di studio, infine, il termine di presentazione delle domande viene posticipato dal 15 ottobre al 30 novembre. Grazie all’approvazione della delibera si procederà all’emanazione dei nuovi bandi delle borse di studio entro la fine dell’anno scolastico per consentire una prima informativa alle famiglie prima della pausa estiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Vaccini covid, Astrazeneca per le persone tra 60 e 79 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento