menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia Erasmus, al via bando per l'assegnazione della borsa di studio Francesca Bonello

A un anno dal terribile schianto in cui hanno perso la vita 13 studentesse, tra cui anche la 24enne genovese, Regione e Università annunciano la partenza dell'iniziativa

A un anno dal tragico incidente del pullman Erasmus in Catalogna, in cui hanno perso la vita 13 giovani donne, la Regione Liguria ha inaugurato il bando per l’assegnazione della borsa di studio in memoria di Franesca Bonello, la 24enne genovese di medicina che ha perso la vita nello schianto insieme con altre 6 ragazze italiane.

La notizia è arrivata lunedì 20 marzo, a un anno esatto dall’incidente, in una giornata di lutto in cui i genitori delle ragazze hanno incontrato il Papa al termine di una messa celebrata nella chiesa di Santa Marta proprio in memoria delle vittime dello schianto. Nella stessa giornata, il sito dell’Università di Genova è rimasto listato a lutto con un fiocco nero per ricordare Francesca, cui l’assessorato regionale alla Formazione e alle Politiche Giovanili ha dedicato, insieme con l’ateneo genovese, una borsa di studio che verrà assegnata a uno studente della Scuola di Scienze Mediche e Farmaceutiche che presenterà una tesi di Laurea concernente «problematiche di malattia legate ai Paesi del terzo mondo e ai flussi migratori, con possibili esperienze sul campo».

L’idea nasce dalla volontà di rendere omaggio alla grande passione di Francesca per la medicina e al suo impegno come volontaria in paesi come la Romania e l’Africa: «L’istituzione di una borsa di studio ci è sembrato il modo più adeguato per rendere merito allo spirito che sempre Francesca ha dedicato ai propri studi - è stato il commento del professor Mario Amore, preside della Scuola di Scienze Mediche e Farmaceutiche - La specifica propensione di Francesca ad avvicinarsi alla conoscenza e allo studio delle patologie del terzo mondo ci ha spinto a privilegiare il sostegno di giovani impegnati in tale ambito. Ciò consentirà di mantenere vivo lo spirito che Francesca ha sempre intensamente diffuso attorno a sé e che continuerà ad operare anche attraverso questo strumento che Regione e Università mettono a disposizione degli studenti che parteciperanno al bando».

Al concorso possono partecipare gli studenti regolarmente iscritti, a tempo pieno, entro la durata normale del corso, all’anno accademico 2016/2017 al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia della Scuola di Scienze Mediche e Farmaceutiche dell’Università degli studi di Genova che abbiano intenzione di discutere, nelle sessioni dell’anno accademico 2017/2018 o 2018/2019, una tesi sperimentale su tematiche inerenti le problematiche sanitarie legate ai Paesi in via di sviluppo e ai flussi migratori. 

Altro requisito per ottenere la borsa di studio è avere conseguito, alla data di scadenza del bando, almeno l’80 % dei crediti formativi universitari previsti dal piano di studi approvato per il corso di studio (compresi i tirocini, laboratori e altre attività che non prevedono votazione) riportando negli esami una media complessiva non inferiore a 26/30. Il termine di scadenza per consegnare la domanda è stato fissato al 31 maggio 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento