rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Marassi / Via Bobbio

Manifestazione davanti ad Amt contro green pass e aggressioni sui bus

Nuova protesta organizzata dal sindacato Ugl Fna presso la sede dell'azienda in via Bobbio

Questa mattina, giovedì 18 novembre 2021, i lavoratori di Amt aderenti al sindacato Ugl Fna sono tornati a manifestare davanti alla sede dell'azienda in via Bobbio. "Oggi siamo qui davanti alla direzione Amt per manifestare per due motivi - spiega Roberto Piccardo -. Iniziamo dal problema green pass: come organizzazione dobbiamo tutelare i lavoratori, ci sono persone a cui è stato sconsigliato il vaccino a seguito di patologie non riconosciute per esenzione. Per i nostri colleghi è richiesto il lasciapassare verde, ma non ai passeggeri e questo è assurdo e una grandissima mancanza di rispetto per una categoria che è stata in prima linea quando la maggior parte delle persone era a casa per il loockdown".

"A nostro avviso - prosegue Piccardo - per non discriminare nessuno era opportuno attuare la nostra idea e fare i tamponi in azienda a un prezzo di 2,55 euro, in questo modo i colleghi non avrebbero perso giornate di lavoro e agevolmente si sarebbero tamponati prima di prendere servizio, la spesa delle infermiere sarebbe stata contenuta rispetto a quanto speso per i bus privati noleggiati per mancanza di personale, a casa perché non trova sul territorio le disponibilità promesse da un accordo che fa acqua da tutte le parti".

"Due farmacie - fa presente il sindacalista - hanno immediatamente rigettato la convenzione, poi c'è la questione prezzi, dagli 8 ai 15 euro, non c'è alcun criterio, noi avevamo previsto queste difficoltà e per questo motivo non abbiamo, a suo tempo, firmato l'accordo".

"Il secondo punto per cui siamo qui è dire basta alle aggressioni al personale - prosegue Piccardo -. Alla cronaca ne arrivano solo una piccola parte, e ultimamente sono aumentate perché il conducente fa presente ai passeggeri senza mascherina che è fuori legge. Abbiamo chiesto da tempo di cambiare il capitolato di acquisto bus usato per le gare, va inserito il posto guida completamente chiuso".

"Inoltre, secondo Ugl, è necessario introdurre le bodycam su base volontaria per il personale, la nostra priorità è la sicurezza, ma sembriamo preoccupati solo noi, è il momento di agire, non possiamo aspettare che ci scappi il morto per muoverci. Proprio per questo abbiamo chiesto una serie di incontri", conclude Piccardo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazione davanti ad Amt contro green pass e aggressioni sui bus

GenovaToday è in caricamento