rotate-mobile
Cronaca Piazza Sarzano

Chiusa la prima edizione del Mercatino di San Nicola a Sarzano: «Ci siamo sentiti a casa»

Raccolti tra i 15 e i 20mila euro da devolvere ai quattro progetti benefici sponsorizzati dalla manifestazione

È positivo - seppur sia stato un anno impegnativo - il bilancio della prima edizione del Mercatino di San Nicola a Sarzano, terminato nei giorni scorsi, con cifre che oscillano tra i 15 e i 20mila euro da devolvere ai quattro progetti benefici sponsorizzati dalla manifestazione. 

La kermesse, organizzata dall'Associazione Volontari Mercatino di San Nicola, con il patrocinio della Regione Liguria, del Comune di Genova e di Erg, consiste nell'unico mercatino natalizio in Italia gestito da una ONLUS, che raccoglie tanti espositori tra botteghe artigiane e associazioni proponendo prodotti di alta qualità e coniugando la tradizione alla solidarietà.

«In piazza Sarzano ci siamo sentiti subito a casa - spiega Marta Cereseto - ricevendo un'accoglienza calorosa da residenti e pubblico, è stata un'esperienza assolutamente positiva. Ma non sono mancate le difficoltà. Purtroppo, non è semplice cambiare le abitudini dei genovesi, abituati da decenni a venirci a trovare in piazza Piccapietra. Inoltre abbiamo dovuto rimandare più spettacoli a causa del maltempo, che non ha sicuramente invogliato i cittadini a uscire di casa. Inoltre il nostro progetto ha rilanciato "una moda" ripresa da molti, cioè quella dei mercatini, e anche questo fatto non ci ha agevolato. Tutte queste difficoltà si sono riflesse sull’incasso e, di conseguenza, sulla cifra che doneremo in beneficenza. La somma che siamo riusciti a raccogliere si aggira tra i quindici e i ventimila euro, è un buon traguardo, siamo soddisfatti, ma è una cifra inferiore a quello dell'anno scorso, che si aggirava intorno ai 30 mila».

I ricavati del Mercatino di San Nicola saranno devoluti a quattro progetti benefici: il programma dell'Associazione di Volontariato "Komera Rwanda", il "Progetto Clinico - Traslazionale Italiano per il Neuroblastoma", il programma a sostegno della terapia genica per l'Atassia di Friedrich e il "Progetto di accoglienza della Parrocchia di Nostra Signora delle Vigne", portato avanti dal Vescovo ausiliare della Diocesi di Genova Nicolò Anselmi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusa la prima edizione del Mercatino di San Nicola a Sarzano: «Ci siamo sentiti a casa»

GenovaToday è in caricamento