Cronaca

Malore in campo durante il match, calciatore salvato dal defibrillatore

È successo sul campo di Serra Riccò, dove Emanuele Bianchi, 31 anni, giocatore della squadra locale, è stramazzato a terra durante la partita con la Goliardica. Provvidenziale l'intervento del massaggiatore della squadra

È stata una domenica di ansia e paura, quella dei giocatori e degli spettatori che si sono riuniti allo stadio di Serra Riccò per assistere al match di Promozione tra la squadra di casa e la Goliardica: sul finale della partita Emanuele Bianchi, 31 anni, vice capitano del Serra Riccò, si è improvvisamente fermato in mezzo al campo ed è stramazzato al suolo per un malore, cogliendo tutti di sorpresa.

A intervenire per primo, in modo provvidenziale, è stato il massaggiatore della squadra, Roberto Martina, che ha afferrato il defibrillatore installato a bordo campo - un provvedimento adottato dopo la morte, proprio per malore, del giocatore del Livorno Piermario Morosini - e per interminabili minuti ha effettuato le manovre di rianimazione sullo sportivo esanime.

In campo sono quindi intervenuti i militi della Croce Bianca di Serra Riccò, che hanno stabilizzato Bianchi e l’hanno poi accompagnato all’ospedale Galliera, dove è stato sottoposto a una lunga serie di esami approfonditi. Le sue condizioni, una volta raggiunto l’ospedale, sono migliorate, e dopo una Tac i medici hanno escluso che potesse trovarsi in pericolo di vita.

Da capire ora le cause del malore, mentre compagni di squadra, allenatori, tecnici e tutti i presenti allo stadio hanno potuto tirare un sospiro di sollievo dopo un pomeriggio all’insegna della paura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malore in campo durante il match, calciatore salvato dal defibrillatore

GenovaToday è in caricamento