rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cronaca

Benzinai Esso, scatta lo sciopero: "A noi solo 2,5 cent ogni litro di carburante"

Dalle ore 19 di mercoledì 19 alle ore 7 di venerdì 21 ottobre, coinvolti 53 distributori in Liguria. Fabio Bertagnini (Faib Confesercenti): "EuroGarages rilevò gli impianti a febbraio 2018 promettendo investimenti; promesse disattese e mancato rinnovo dell’accordo contrattuale con margini per i gestori al limite del sostentamento economico. Altri marchi prevedono margini anche doppi"

Sciopero dei benzinai EuroGarages a marchio Esso a partire dalle ore 19 di oggi, mercoledì 19 ottobre, fino alle 7 di dopodomani, venerdì 21 ottobre 2022. È stato confermato da Faib Confesercenti, Fegica e Figisc e coinvolge 1.200 distributori in Italia, i 53 presenti in Liguria e i 23 tra Genova e provincia. Sono esclusi solo quelli gestiti direttamente dall'azienda EuroGarages senza intermediari o gestori.

Sciopero benzinai Esso. Foto

Le associazioni hanno ritenuto insoddisfacente la nota di intento fatta loro pervenire da EuroGarages, la società che dal 2018 ha rilevato gran parte della rete Esso italiana, Fabio Bertagnini, presidente regionale di Faib Confesercenti, commenta e spiega le ragioni della protesta: "Un documento privo di contenuti e impegni circostanziati che non poteva, in alcun modo, giustificare il rinvio o tantomeno la sospensione della protesta. EuroGarages rilevò 1200 impianti Esso a febbraio 2018 e, nel luglio di quello stesso anno, sottoscrisse con i gestori un impegno teso ad investire nel rinnovo e nel rilancio dell’intera rete dei punti vendita. Una promessa rimasta lettera morta e ulteriormente aggravata dal mancato rinnovo dell’accordo contrattuale scaduto nel 2020, che prevede margini per i gestori al limite del sostentamento economico. Il risultato è che, oggi, al titolare di un impianto Esso spettano solo 2,5 centesimi ogni litro di carburante mentre altri marchi, riconoscendo l’impatto di pandemia, guerra e costi dell’energia, prevedono margini anche doppi".

"Vale sempre la pena specificare - sottolinea ancora il presidente Faib - che la quota spettante al benzinaio è dunque fissa e quindi non aumenta all’aumentare del prezzo alla pompa che, naturalmente, viene imposto dalle compagnie e non è mai a discrezione del singolo gestore. Nel caso degli impianti Esso-EuroGarages, come detto, al titolare del punto vendita restano in tasca 2,5 centesimi per ogni litro di benzina o gasolio erogato, sia che questo costi 1,40 euro, come durante la pandemia, sia che sfondi il muro dei 2 euro, come è spesso accaduto in questi ultimi mesi. È dunque naturale ed evidente che, di fronte all’inevitabile contrazione della domanda dovuta ai prezzi attuali, elevatissimi, a pagare lo scotto più pesante siano i gestori e non certo le compagnie, perché sempre più spesso l’incasso di un impianto non è nemmeno sufficiente a coprire i costi di esercizio".

"Ciò che chiediamo - conclude Bertagnini - è innanzitutto il rinnovo dei contratti scaduti due anni fa, e che il nuovo accordo tenga conto dell’attuale, complicatissimo contesto macroeconomico condizionato dalla situazione internazionale e dall’inflazione. EuroGarages, che ha accettato di sedersi al tavolo solo dopo la proclamazione dell’agitazione del 20 ottobre, dando però risposte del tutto insoddisfacenti, deve dunque comprendere la situazione e agire di conseguenza, quantomeno uniformandosi al trattamento previsto dalle altre compagnie, se non vuole condannare al fallimento le migliaia di gestori che, ogni giorno, combattono per mantenere in piedi la sua obsoleta rete distributiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzinai Esso, scatta lo sciopero: "A noi solo 2,5 cent ogni litro di carburante"

GenovaToday è in caricamento