Tragedia di Begato, la procura apre un'inchiesta per omicidio: «Atto tecnico»

Aperto un fascicolo sul caso della donna ritrovata decapitata dopo la caduta dalla cima della Diga. Per i carabinieri si tratta quasi certamente di un gesto volontario, ma l'autopsia chiarirà eventuali dubbi

La procura di Genova ha deciso di aprire un’inchiesta, ufficialmente per omicidio a carico di ignoti, sulla morte della donna di 29 anni presumibilmente caduta dalla cima della Diga di Begato e ritrovata decapitata in via Maritano lunedì pomeriggio. Si tratta di un atto tecnico, come sottolineato dai magistrati, necessario per disporre tutta una serie di accertamenti su quanto accaduto, in primis l’autopsia, che verrà con tutta probabilità eseguita oggi.

I carabinieri di Sampierdarena, che indagano insieme con il nucleo Investigativo e quello provinciale, hanno in realtà pochi dubbi: la donna, da tempo depressa, era in cura da uno psichiatra da anni, e aveva già manifestato in passato il desiderio di togliersi la vita, proprio dalla Diga di Begato, come raccontato anche dal marito. 

L’uomo, distrutto e sotto choc, ha confermato quanto sostenuto anche dai colleghi della moglie (che lavorava in un’azienda a Rivarolo, e che a Begato sarebbe arrivata durante la pausa pranzo): la 29enne stava attraversando un periodo molto difficile che aveva ulteriormente esacerbato uno stato mentale già complicato. Eppure qualche dubbio sulla vicenda ancora resta: come ha fatto la donna a salire ai piani alti della Diga, non abitandovi, e come mai sul muretto su cui ha presumibilmente sbattuto non ci sono tracce di sangue?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Risposte parziali, ma significative, sono arrivate dai primi accertamenti a opera dei medici legali Marco Salvi e Francesco Ventura, che corroborano la tesi della caduta dagli ultimi piani del palazzo, con tutta probabilità dal tetto. La pioggia incessante di lunedì potrebbe invece avere cancellato la maggior parte del sangue. Per chiarire tutti i dubbi, anche alla luce dell’enorme tragedia che si è abbattuta sulla famiglia, è però necessario attendere l’esito dell’autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

  • Tragedia a Pedemonte, 25enne morto in un incidente stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento