menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchia a sangue il nipote e gli fa perdere un occhio, arrestato lo zio

La polizia ha fermato un 34enne, ritenuto il responsabile dell'aggressione ai danni del nipote minorenne che ha perso un occhio per le percosse ricevute in via Maritano

La Polizia di Genova ha arrestato un 34enne di origini tunisine, irregolare sul territorio nazionale, perché ritenuto il responsabile dell'aggressione ai danni del nipote minorenne dello scorso 21 aprile. Il ragazzo ha perso un occhio per le percosse ricevute dallo zio. 

La testimonianza del padre

Secondo la ricostruzione fornita dalle forze dell'ordine la notte del 21 aprile scorso un 17enne tunisino si era presentato con il padre all’ospedale San Martino con diverse ferite e una vistosa lacerazione all’occhio sinistro. Il padre del ragazzo aveva riferito agli agenti intervenuti che il figlio era stato aggredito dallo zio, loro convivente, durante una lite in strada. Da casa, in via Maritano, aveva sentito urlare il ragazzo e l’aveva visto in ginocchio davanti al portone con le mani sul volto insanguinato. Mentre si avvicinava per aiutarlo aveva sentito il cognato urlare a suo figlio “ti voglio ammazzare” e lo aveva visto colpire il giovane alla schiena con il manico in metallo del suo trolley per poi darsi alla fuga. Sentiti i fatti, gli agenti si erano messi alla ricerca dell’aggressore, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, contro la persona ed in materia di stupefacenti, nonché sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora dalle 20.00 alle 8.00 per una rapina commessa mesi prima, non trovandolo nell’appartamento.  

Le indagini sullo zio

La mattina seguente la sala operativa era stata informata dall’ospedale “Villa Scassi” del ricovero di uno straniero giunto al pronto soccorso per alcune ferite riferibili a un’aggressione. Insospettiti, i poliziotti dell'Upg e del commissariato Cornigliano avevano proceduto all’identificazione dell’uomo, che confermava sì di essere lo zio del ragazzo ferito ma negava di essere implicato nell’aggressione al giovane e sosteneva di essersi procurato le ferite cadendo accidentalmente in bagno. Il trolley che aveva con sé, però, presentava il manico rotto e tagliente, compatibile con l’arma usata per colpire il ragazzo. Il tunisino era stato quindi accompagnato in Questura e denunciato per lesioni e minacce a minore.

L'arresto

A seguito dell’aggravamento delle condizioni sanitarie del minore che, a causa della perforazione corneale provocatagli dallo zio, ha perso l’occhio sinistro, venerdì scorso il Gip ha emesso un’ordinanza applicativa della misura della custodia cautelare in carcere nei confronti del 34enne. Gli agenti della Squadra Mobile lo hanno rintracciato il giorno dopo e lo hanno portato nel carcere di Marassi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento