Strada privata abusiva fra Bavari e Fontanegli, multa e denuncia

Un 55enne genovese è stato denunciato dagli uomini del Corpo forestale per abuso edilizio per essersi costruito una strada di circa trenta metri per collegare la strada principale alla sua casa

L'altro ieri il personale del Comando Stazione Forestale di Genova Prato, a seguito di alcuni controlli sul territorio, ha scoperto un cantiere abusivo nel quale era in corso di costruzione una strada per il collegamento fra la strada sovrastante, via San Colombano fra Bavari e Fontanegli, e un immobile residenziale.

La strada, di circa 30 metri, era stata costruita con ingente utilizzo di cementi armati, in totale assenza delle prescritte autorizzazioni edilizie e le necessarie progettazioni di tecnico specializzato, in area sottoposta a vincolo idreogeologico.

Per questo è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria il proprietario dell'immobile, nonché diretto esecutore delle opere abusive, un genovese di 55 anni, e segnalato il cantiere all'ufficio Edilizia Privata del Comune di Genova per i successivi atti di competenza.

Inoltre sono state elevate le sanzioni amministrative per movimento terra in zona sottoposta a vincolo idrogeologico.

Potrebbe interessarti

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Forbes: «8 posti in cui mangiare da non perdere in Liguria (con relative specialità)»

  • Manhattan scopre la focaccia di Recco: «Una tentazione eccezionale»

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

Torna su
GenovaToday è in caricamento