menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nozze gay, Bagnasco: «Non umiliare né indebolire la famiglia»

L'istituto della famiglia «deve essere difeso e promosso da qualunque umiliazione culturale e da qualunque indebolimento strutturale e giuridico che vediamo in altre Nazioni, e da cui l'Italia di per sé non è immune»: lo ha detto a Genova Angelo Bagnasco

Genova - L'istituto della famiglia «deve essere difeso e promosso da qualunque umiliazione culturale e da qualunque indebolimento strutturale e giuridico che vediamo in altre Nazioni, e da cui l'Italia di per sé non è immune»: lo ha detto a Genova il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, a margine di una messa celebrata nello stabilimento di Fincantieri.

Facendo riferimento (ma senza citarla) alla recente accelerazioné del Parlamento francese sul tema delle nozze tra coppie omosessuali, Bagnasco ha aggiunto: «la famiglia deve essere difesa da qualunque umiliazione culturale e da qualunque indebolimento strutturale e giuridico».

«La famiglia - ha proseguito - si è rivelata lo zoccolo portante della società anche a livello economico, e se l'Italia ha retto fino ad oggi è innanzitutto grazie alle famiglie che si sono strette in se stesse, non per chiudersi in forme egoistiche, ma per mettere insieme le piccole o grandi risorse che avevano ma che non sono infinite».

«Questo - ha concluso - é sotto gli occhi di tutti» (Ansa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Coronavirus, gli attuali positivi tornano sopra quota seimila

  • Economia

    Contributi alle imprese, nuovo bando del Comune

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento