rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Cronaca

Sostituzione pannelli fonoassorbenti autostradali, fine lavori prevista per il 2025

Il tema è stato affrontato sia in consiglio regionale, che comunale. Le risposte degli assessori purtroppo confermano che ci vorrà ancora tempo

Nel corso della seduta pomeridiana del consiglio regionale di martedì 8 marzo 2022 Roberto Arboscello (Pd-Articolo Uno) ha presentato un'interrogazione, sottoscritta da tutto il gruppo, in cui ha chiesto alla giunta i tempi in cui verranno ripristinati i pannelli fonoassorbenti autostradali e se nella stesura del cronoprogramma è stata data priorità alle aree che presentano maggiori criticità.

Il consigliere ha ricordato che da tempo sulle autostrade liguri sono stati rimossi i pannelli fonoassorbenti, in quanto non a norma, e questo sta causando disagi a chi abita nei pressi di tratti autostradali.

L'assessore all'ambiente e alle infrastrutture Giacomo Giampedrone ha illustrato il cronoprogramma degli interventi, suddivisi in macrolotti, che sono stati trasmessi nel novembre scorso dal Mit. Per il tratto A10-zona Pra' e il tratto A7-zona Bolzaneto il completamento dei lavori è previsto entro il terzo trimestre 2023; per i tre macrolotti, in cui è suddiviso l'intervento sull'A10 nel tratto tra Arenzano e Savona, il termine dei lavori è previsto tra la fine del 2023 e il primo trimestre del 2025.

"Dalla risposta dell'assessore Giampedrone - commenta il consigliere regionale del Partito Democratico Roberto Arboscello dopo la discussione in aula della sua interrogazione - veniamo a conoscenza che soltanto nel terzo trimestre 2023 verranno completati i primi lotti dei lavori di posizionamento dei pannelli fonoassorbenti in autostrada, mentre per i tratti compresi tra Savona e Arenzano bisognerà addirittura aspettare fino al 2025. È inammissibile che si sia perso un anno intero, in uno scambio di carteggi tra Autostrade per l'Italia e Regione Liguria, per avere le tempistiche sul ripristino dei pannelli".

"Si tratta - conclude Arboscello - di un cronoprogramma inadeguato rispetto alle esigenze dei cittadini liguri che a causa della rimozione dei pannelli hanno visto compromessa la loro qualità di vita. Ci aspettavamo delle tempistiche più celeri dato che la rimozione è stata avviata nel 2019".

Il tema è stato anche oggetto di un'interrogazione in consiglio comunale, presentata da Gianni Crivello. "Si tratta di un tema delicato e molto sentito dai cittadini che merita di essere affrontato in una apposita commissione che indicativamente potremmo fissare per il 23 di questo mese - ha risposto l'assessore Matteo Campora -. Esiste una legge quadro sull’inquinamento acustico e innumerevoli decreti attuativi, che impongono interventi sulla sorgente rumorosa da effettuare sulla base di una scala di priorità".

"Il piano di allestimento delle barriere integrate - conclude Campora - prevede un investimento di 164 milioni. La data individuata di fine lavori, che riteniamo inaccettabile, è il 2025. Sono attivi alcuni cantieri sulla A7 e ci sono altri interventi di cui le posso fare avere l'elenco. Proprio per l'importanza dell'argomento credo che la cosa più importante sia quella di fare pressing su Autostrade, a partire dalla prossima commissione consiliare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostituzione pannelli fonoassorbenti autostradali, fine lavori prevista per il 2025

GenovaToday è in caricamento