Autostrade, lunedì un piano per ridurre i pedaggi e chiudere cantieri entro luglio

Il presidente della Regione, Giovanni Toti, e il sindaco di Genova Marco Bucci hanno incontrato l'ad di Aspi, Roberto Tomasi, che ha assicurato azioni concreti per mettere in sicurezza il nodo ligure

Un “piano Marshall” per mettere in sicurezza le autostrade liguri, chiudere i cantieri in tempo per la stagione estiva e ridurre i pedaggi: è quello chiesto da Regione Liguria e promesso da Autostrade per l’Italia durante l’incontro che si è svolto martedì in prefettura.

«Abbiamo avuto un incontro con l’ad di Autostrade, Roberto Tomasi   - ha detto il governatore ligure Giovanni Toti - Sappiamo che c’è una situazione complicata soprattutto per quello che riguarda le gallerie, abbiamo chiesto perché non si sia lavorato di più e più in fretta in lockdown, e abbiamo chiesto di presentarci un piano massivo di interventi e riduzione tariffarie per la rete sino a quando tutto  non verrà messo in sicurezza».

Tomasi, dal canto suo, ha assicurato che «lunedì presenteremo il piano di gratuità sia per i residenti in regione sia per coloro che speriamo dovranno raggiungere la Liguria. Il piano di agevolazioni tariffarie e di gratuità è uno strumento ampio e finirà con la fine dei lavori e controlli di sicurezza attuati sulla rete, entro il 30 giugno».

Lunedì, dunque, Aspi presenterà il piano, che per Toti e Bucci dovrà essere «massiccio, breve, intenso» e in grado di «mettere finalmente il nostro territorio in sicurezza una volta per tutte».

«È stato un incontro molto importante - ha aggiunto il sindaco Marco Bucci - ho fatto presente le necessità del nodo di Genova, e cioè garantire l’estate per tutti, garantire il transito ai traghetti e l’accessibilità ai trasporti del porto, che deve continuare a crescere. Tutte queste esigenze sono state messe sul tavolo, e aspettiamo per lunedì il piano di attuazione».

Sull’importanza dei controlli in galleria (la questione è deflagrata con la chiusura della galleria Campursone II, sulla A12, che ha comportato la chiusura del casello di Genova Est per verifiche strutturali) è intervenuto anche il procuratore capo di Genova, Francesco Cozzi: «ntanto sull’importanza dei controlli si è pronunciato il procuratore capo Francesco Cozzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Meno male che fanno i controlli alle gallerie, pazienza per i disagi. Altrimenti rischiamo quanto accaduto col Morandi - ha detto Cozzi - Meglio qualche chilometro di coda che altri morti. Se avessero fatto i lavori sul Morandi ci sarebbero stati disservizi, ma non i morti. Il problema andava risolto prima, sia per i viadotti che per i tunnel. Si tratta di non aspettare la roulette russa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: chiusi h24 e sale giochi in tutta la città, i provvedimenti per le zone "rosse"

  • Coronavirus, in arrivo la nuova ordinanza per Genova

  • Covid: i confini delle nuove "zone rosse" di Genova, strada per strada, e cosa è vietato fare

  • Coronavirus e ipotesi lockdown, Bassetti: «Coprifuoco opportuno per Genova, Milano e Roma»

  • Coronavirus: in arrivo un nuovo Dpcm, sembra escluso il 'coprifuoco'

  • Coronavirus: sempre più casi a Genova, ipotesi coprifuoco in alcune zone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento