rotate-mobile
Cronaca

Autostrade, decisa la retroattività dei rimborsi

L'erogazione dei rimborsi sarà retroattivo per gli autotrasportatori, che lo potranno richiedere per i ritardi sulle tratte autostradali Aspi a partire dal 15 settembre 2021. La decisione è arrivata a seguito del periodico tavolo tecnico tra Regione Liguria e Autostrade per l'Italia

Gli indennizzi per il cashback autostradale, per gli autotrasportatori, saranno retroattivi a partire dal 15 settembre 2021 inoltre, sulle tratte con cantieri e lavori, saranno veicolate comunicazioni continue sulle modalità di rimborso.

Questa decisione è stata presa durante il tavolo tavolo tecnico che periodicamente riunisce l'assessorato allo sviluppo economico di Regione Liguria con Autostrade per l'Italia, con l'obiettivo di risolvere le criticità della rete autostradale. Nell'ultimo incontro si è discusso proprio delle difficoltà per gli autotrasportatori di ottenere i rimborsi per i disagi dovuti ai cantieri nelle prime settimane di attivazione del servizio.

Per questo è stata scelta la via della retroattività degli indennizzi, in questo modo chi ne ha diritto potrà chiedere il cashback autostradale anche a distanza di mesi dai disagi, per evitare ulteriori complicazioni Aspi si è impegnata a svolgere un'attività comunicativa costante sulle tratte oggetto di cantierizzazione.

L’assessore regionale allo sviluppo economico Andrea Benveduti ha commentato così l'esito dell'incontro:

 “Il confronto, che convochiamo periodicamente con Aspi e le categorie economiche, nasce proprio per dar voce alle imprese territoriali, in modo da attenuare, quanto più possibile, i danni economici dovuti alle cantierizzazioni. I tecnici di Autostrade per l’Italia hanno spiegato che per far partire i rimborsi agli autotrasportatori iscritti ai consorzi era prima necessario attivare accordi con telepass e altre società di gestione similari. Adesso che la soluzione è in fase di implementazione, a breve riceveranno comunicazione su come aderire al servizio cashback di Free To X e verrà garantita la retroattività delle pratiche di rimborso sin dal 15 settembre 2021. Per quanto riguarda invece gli autotrasportatori indipendenti, cioè titolari in prima persona di propri contratti di telepedaggio, hanno già cominciato ad aderire e quindi già oggi stanno ricevendo comunicazione dei rimborsi maturati”.

L'assessore ha poi commentato l'impegno assunto da Aspi per le comunicazioni costanti sul diritto ai rimborsi per i ritardi:

“Aspi ha informato che intensificherà, tramite il proprio canale Telegram dedicato alla Liguria, la comunicazione delle tratte coinvolte negli interventi di cantierizzazione, per agevolare una diffusione sempre più capillare sul territorio e limitare quanto più possibile i disagi”.

Il cashback è riconosciuto a tutti gli utenti solo in caso di ritardi provocati da cantieri sulla rete di Autostrade per l’Italia che intaccano la regolarità dei transiti con riduzioni delle corsie originariamente disponibili, con eccezione della corsia di emergenza. 

La misura è riconosciuta anche per itinerari brevi e per ritardi a partire da 15 minuti. I rimborsi riguardano la tariffa autostradale e possono andare da un minimo del 25% fino all'intero costo del pedaggio, in base al tempo effettivo di viaggio e alla lunghezza della tratta percorsa.

In particolare, il cashback sarà valido per le seguenti tipologie di transiti:

  • percorsi con ingresso e uscita su rete Aspi;
  • percorsi con ingresso su rete Aspi e uscita su altra concessionaria;
  • percorsi con ingresso su altra concessionaria e uscita su rete Aspi;
  • percorsi con ingresso e uscita su altra concessionaria, con attraversamento su rete Aspi.

Non sono considerati ritardi rimborsabili quelli slegati dalle attività del concessionario o di natura imprevedibile come: traffico intenso, incidenti, eventi meteo, manifestazioni, o qualunque altra motivazione non connessa al piano di lavori per l’ammodernamento delle infrastrutture autostradali.

L'assessore Benvenuti ha così concluso:

“Certamente questo non è un risarcimento per tutti i danni economici subiti, ma la dimostrazione di come l’operatività del tavolo regionale possa portare alla risoluzione di parte dei problemi” .

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrade, decisa la retroattività dei rimborsi

GenovaToday è in caricamento