menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A piedi in A12, vede la stradale e si butta dal viadotto

Protagonista di questa curiosa vicenda un 37enne di Avegno, salvo grazie alla vegetazione, che ha attutito la caduta. L'automobilista guidava ubriaco e privo di patente di guida perchè ritiratagli per il medesimo motivo

Sono le 3 di notte quando la radio della pattuglia della Polizia Stradale in servizio sulla A12 squilla all'improvviso. «Hanno segnalato una persona a piedi» questa è la nota e subito i lampeggianti squarciano il buio dell'autostrada tra viadotti e gallerie.

Poco dopo il casello di Recco, in direzione di Genova, l'autista non crede ai suoi occhi: davanti a lui, sull'estrema destra della carreggiata tra la striscia bianca e il new-jersey (quelle barriere di cemento che stanno sostituendo i guard rail sui ponti autostradali), un uomo, alla vista della macchina della polizia, li guarda spaventato e con un balzo (poco) felino scavalca la barriera che lo protegge dal vuoto e si butta giù.

Lo sconcerto iniziale lascia il posto all'immediato allarme. Per recuperare il 37enne di Avegno arrivano tre squadre di Vigili del Fuoco, due ambulanze e una pattuglia dei carabinieri. Alla fine viene trasportato in codice giallo all'ospedale San Martino dove non gli riscontreranno ferite gravi.

Nella tragicità dell'episodio la fortuna ha aiutato il temerario: gli alberi e gli arbusti della fitta vegetazione hanno attutito la caduta, parando letteralmente il corpo del 37enne e adagiandolo alla fine della corsa su un ramo particolarmente adatto all'atterraggio.

Ma perchè tutto ciò? L'esatta dinamica della sua folle notte è ancora al vaglio degli ispettori della Polizia Stradale di Genova Sampierdarena ma quello che emerge è che l'autista si è ritrovato senza benzina poco dopo essere entrato a Recco, si è fatto dare un passaggio fino alla successiva area di servizio Sant'Ilario dove il benzinaio gli avrebbe riempito una tanichetta di banzina.

A quel punto, per raggiungere la sua vettura lasciata chiusa sulla corsia di marcia con le sole quattro frecce accese, il 37enne avrebbe percorso a piedi circa 5 chilometri di autostrada contromano prima di incrociare la pattuglia della Polizia Stradale e in quel frangente emulare Icaro.

Piccolo particolare: il 37enne si trovava in stato di ebbrezza alcolica e privo di patente di guida perchè ritiratagli, per il medesimo motivo, un mese fa dai vigili del suo paese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crollo cimitero Camogli, il cronoprogramma dei lavori

  • Coronavirus

    Covid, in Liguria 248 nuovi positivi, 11 nuovi ospedalizzati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento