menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Attentato Strasburgo, stanno bene gli eurodeputati liguri

Anche l'eurodeputata genovese Renata Briano si trovava nella città francese quando l'attentatore è entrato in azione, sparando fra la folla. Tredici i feriti fra cui un italiano

C'è anche un italiano fra i feriti nell'attentato a Strasburgo. Si tratta di Antonio Megalizzi, giovane giornalista, colpito dall'attentatore di ieri sera a Strasburgo, che ha aperto il fuoco sulla folla che si trovava al mercatino di Natale. A riferirlo è il deputato europarlamentare spezzino del Pd Brando Benifei, rimasto all'interno del Parlamento, chiuso dalla polizia.

«Ho notizia purtroppo di un giovane giornalista radiofonico italiano che conosco fra i feriti - scrive Benifei sul proprio profilo Facebook - spero non grave». Anche la Farnesina ha confermato il ferimento di un connazionale. L'Unità di Crisi, riferiscono fonti del Ministero degli Affari Esteri, continua a lavorare, in raccordo con la rete diplomatica italiana in Francia e con le autorità francesi e sta prestando ogni possibile assistenza ai connazionali presenti a Strasburgo.

Anche l'eurodeputata genovese Renata Briano si trovava nella città francese. «C'è stato un attentato in centro a Strasburgo, dove ero fino a poco fa. Sono al sicuro con Giulia, Maria Rosa, Mathieu e Cristiano. Stiamo bene e fino a nuovo ordine non ci muoviamo da qui», ha scritto la Briano sul suo profilo.

Dopo Bruxelles nel 2016, ieri sera è stata colpita un'altra città che ospita le sedi del Parlamento europeo. «Siamo chiusi in Parlamento Europeo come in una fortezza e non fanno uscire nessuno, il killer è ancora in fuga e per questo è stato deciso di isolare gli edifici. Ho notizia purtroppo di un giovane giornalista radiofonico italiano che conosco fra i feriti, spero non grave. Clima surreale e tentativi di mangiare qualcosa nonostante code comprensibilmente interminabili alla mensa», il concitato post di ieri sera di Benifei.

Al momento il bilancio parla di 13 feriti e due morti. Il killer, Cherif C., 29 anni, di origini nordafricane ma nato a Strasburgo, è ancora in fuga.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento