Picchia moglie e figlia, a cui non dovrebbe nemmeno avvicinarsi

Un 32enne di origini nigeriane è stato arrestato dalla polizia in via Venezia. L'uomo ha preteso di dormire in casa con moglie e figlie, da cui però sarebbe dovuto restare lontano

Nel tardo pomeriggio di sabato 16 maggio 2020 i poliziotti dell'ufficio prevenzione generale e del commissariato Prè sono intervenuti in un appartamento in via Venezia a San Teodoro per una violenta lite in atto. All'interno della piccolissima abitazione vi era un 38enne, che è stato subito fatto uscire, e la moglie con le loro figlie minori, molto agitate e spaventate.

Dai loro racconti è emerso che l'uomo, da marzo scorso destinatario di un allontanamento dalla casa familiare e di divieto di avvicinamento alla coniuge, è entrato in casa pretendendo di dormire lì con loro. Sentendosi rifiutato, ha dato in escandescenze, minacciando la moglie e la figlia più grande e percuotendole mentre le due donne si proteggevano l'un l'altra e la bambina più piccola assisteva.

Il 38enne nigeriano è stato arrestato per maltrattamenti contro familiari e denunciato anche per violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • Covid, la ricerca delle università di Genova, Okinawa e Francia: «Il distanziamento non basta»

  • Liguria in zona arancione con i nuovi parametri: cosa cambia

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento