Cronaca

Il Web si mobilita per salvare Stefano: «Servono donatori di sangue e midollo»

Il disperato appello di amici e familiari di un 38enne di Piombino affetto da una gravissima forma di leucemia

Una mobilitazione di massa e un disperato appello che corre sui social network per salvare la vita di Stefano Scandurra, 38enne di Piombino affetto da una grave forma di leucemia diagnosticata soltanto pochi mesi fa, che ha spinto amici e familiari a chiedere aiuto per individuare donatori di midollo e sangue compatibili.

L’appello parte dalla pagina Facebook #iostoconstefano, che conta quasi 11mila iscritti, e ha fatto ormai il giro di tutta Italia, con decine di centinaia di persone che hanno passato parola e sono scese in campo per invitare a donare. I requisiti per farlo sono:

- età compresa tra i 18 e i 35 anni e un peso superiore ai 50 Kg;
- chi ha fatto tatuaggi o piercing o interventi deve attendere 4 mesi:
- dopo il parto invece l'attesa è di un anno.
- il limite massimo di età per la donazione varia secondo la regione

Per diventare donatori di midollo osseo è opportuno prenotarsi presso una sede ADMO e successivamente presentarsi, senza impegnativa medica, presso un Centro trasfusionale che aderisce al progetto (normalmente dove si dona volontariamente il sangue), per sottoporsi al prelievo di un campione di sangue come per una normale analisi e firmare l’adesione al Registro Italiano Donatori Midollo Osseo.
I risultati delle analisi verranno poi inseriti in un archivio elettronico gestito a livello regionale e a livello nazionale.

In seguito al riscontro di una prima compatibilità con un paziente, il donatore sarà chiamato a sottoporsi ad ulteriori prelievi, sempre di sangue, per definire ancora meglio il livello di compatibilità e solo se si è compatibili al 100% con qualcuno che ha bisogno di un trapianto allora si passerà alla donazione vera e propria. Per trovare la sede ADMO più vicina: https://www.admo.it/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Web si mobilita per salvare Stefano: «Servono donatori di sangue e midollo»

GenovaToday è in caricamento