Inaugurato il nuovo anno giudiziario: i numeri della giustizia in Liguria

Nella relazione di inizio anno, il procuratore generale della corte d’appello di Genova, Valeria Fazio, ha parlato della norma sul reato di tortura e dell'andamento dei crimini tra il 2016 e il 2017

Aumentano i furti d’appartamento e i casi di usura in Liguria: stando ai dati diffusi in mattinata, nel corso della cerimonia di apertura del nuovo anno giudiziario, nel 2017 a Genova sono state 6.405 le denunce per furto, quasi il doppio rispetto ai 3.209 dell'anno precedente. Aumenta anche l’usura, con 72 casi denunciati contro i 58 del 2016, mentre diminuiscono estorsioni e rapine. 

Per quanto riguarda invece i reati contro la pubblica amministrazione, 2088 i casi denunciati, 92 di peculato e 101 di abuso d'ufficio. Elevato il numero di reati in materia di stupefacenti, per un totale di 2.494 procedimenti, così come quelli in materia edilizia (1446) e inquinamento (689).

Il procuratore generale: «Legge sulla tortura è inadeguata»

Nel corso della cerimonia, il procuratore generale della corte d’appello di Genova, Valeria Fazio, nella sua relazione di inizio anno ha parlato del reato di tortura e della nuova norma che lo regola, definendola «inadeguata», perché considera il reato di tortura un illecito ad autore libero, e non proprio dei pubblici ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio». Fazio ha invocato una presa di distanza netta da ogni ipotesi di abuso e dai suoi autori, anche per garantire il rispetto delle forze dell’ordine. Inevitabile, dunque, un accenno al G8 e al modo in cui la vicenda è stata affrontata. 

La relazione ha quindi spaziato dagli infortuni sul lavoro, il cui numero è ancora «alto in maniera inaccettabile», al silenzio attorno agli episodi di corruzione e usura, dalla violenza di genere agli omicidi: da luglio 2016 a luglio 2017 i delitti volontari a Genova sono stati 9, di cui tre femminicidio. Fazio ha inoltre lanciato un appello affinché vengano istituite più residente protette oltre a quella, provvisoria, realizzata nel 2017 a Genova Pra’, concentrandosi anche sul sovraffollamento delle carceri, dove a giugno 2017 erano detenuti 1.353 persone a fronte di una capienza di 1.099.

Nel corso della cerimonia è intervenuto anche Alessandro Vaccaro, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Genova, che nel corso del suo discorso ha puntato il dito contro la nuova norma che regola le intercettazioni e che prevede che una maggiore stretta sulla diffusione di dati sensibili. 

La norma, approvata lo scorso dicembre, prevede che la polizia giudiziaria si occupi della prima “scrematura”, trascrivendo solo le intercettazioni rilevanti ai fini delle indagini. Le altre resteranno nella disponibilità del pubblico ministero. Positiva, per Vaccaro, la maggiore tutela di persone estranee al procedimento penale, ma negativo il parere riguardo all’impossibilità per la difesa di ottenere copia delle annotazioni di polizia giudiziaria sulle conversazioni intercettate e ritenute irrilevanti, che per la difesa, ha spiegato il presidente dell’ordine degli avvocati, potrebbero non esserlo.

I numeri in Liguria

A oggi in Liguria sono attivi 7.692 professionisti, con un lieve aumento rispetto agli anni precedenti degli iscritti all’Albo degli Avvocati, e un decremento del numero dei praticanti. A Genova ono quasi 4mila (3.992) gli avvocati iscritti all’Albo genovese a gennaio 2018, 607 i praticanti. Il Consiglio dell'Ordine di Genova nel 2017 ha esaminato 3.305 domande di patrocinio a spese dello Stato (delle quali 1.630 presentate da cittadini stranieri) con un aumento del 10% rispetto al 2016.

L’Organismo di mediazione di Genova (attività svolta da un professionista terzo e imparziale che assiste le parti in lite fino al possibile accordo) ha seguito 1.339 procedure di mediazione (300 richieste

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

in più rispetto al 2016): un trend positivo che ha però dato risultati scarsamente significativi, perché solo l'8,8% ha avuto esito positivo evitando il processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, nuove regole in Liguria: alle superiori lezioni a casa a rotazione, "coprifuoco" in 4 zone di Genova

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

  • Dialetto curioso: "massacan", da dove deriva questa parola antichissima?

  • Il postino di "C'è posta per te" arriva a Torriglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento