rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Cronaca

Amt: scatta la rivoluzione, autista bigliettaio contro i "furbetti"

Entro il 10 luglio diventerà operativa la manovra messa a punto da Amt contro chi viaggia a "scrocco". Sarà possibile salire solo dalla porta anteriore mostrando il biglietto. Si parte con cinque linee collinari

Genova - Forse questa è la volta buona. A Genova potrebbe finire l'era degli scrocconi, quelli che il biglietto non lo pagano e quelli che, pensando di fregare il sistema, fregano semplicemente i cittadini onesti, che, anche per colpa dei cugini "scrocconi", si sono visti aumentare in questi anni il biglietto del bus.

L'Amt, dopo aver trovato l'accordo coi sindacati, ha infatti deciso di rendere operativa entro il 10 luglio la manovra per la quale l'autista del bus diventa anche bigliettaio e secondo la quale sarà possibile salire sul mezzo solo dalla porta anteriore mostrando, o comprando, il biglietto. Una manovra di cui si parla da anni, ma che finalmente, dopo smentite, cambiamenti e iter burocratici, sembra entrare nel vivo.

Ovviamente si tratta di un cambiamento graduale, si inizierà con cinque linee collinari: 84, 89, 451, 477 e 481. Questi bus, entro il 10 luglio, verranno predisposti in modo da consentire la salita sul mezzo solo dalla porta anteriore per mostrare il ticket all'autista (con la possibilità, adesso, di comprare il biglietto dal conducente). Una volta sperimentate queste cinque linee, il nuovo sistema verrà ampliato prima alle tratte collinari restanti, quelle per intenderci che usano i bus corti, via via arrivando a quelle delle linee dei mezzi snodati.

Una manovra che dovrebbe portare nelle casse dell'Amt ben 6 milioni di euro. Questa è infatti la cifra che secondo le statitische corrisponde al "risparmio" dei furbetti del bus. Una cifra calcolata molto "alla buona" prendendo come riferimento il numero di multe fatte in percentuale ai viaggiatori controllati, percentuale che si aggira tra il 3 e il 6%.

Una manovra necessaria per Genova, finora impossibile da attuare visto il "no" ribadito a più riprese dai sindacati, addolciti e convinti dalla presenza della figura di "autista-controllore" prevista nel recente rinnovo del contratto nazionale di categoria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amt: scatta la rivoluzione, autista bigliettaio contro i "furbetti"

GenovaToday è in caricamento