Amianto e pensioni, protesta dei lavoratori nella sede Inps

Decine di persone si sono date appuntamento in piazza della Vittoria per chiedere il riconoscimento dei benefici previdenziali previsti per legge: «E' arrivato il momento di chiudere la questione»

La vicenda amianto torna a infiammare gli animi con una protesta che questa mattina ha coinvolto un centinaio tra lavoratori ed ex lavoratori di Ansaldo e Ilva, scesi in campo per protestare davanti alla sede Inps di piazza della Vittoria e chiedere il riconoscimento dei loro diritti.

Alla base della protesta, il fatto che nonostante le battaglie legali portate avanti negli ultimi anni molti lavoratori ancora non siano riusciti a vedersi riconoscere i benefici previdenziali previsti per legge in caso di esposizione all’amianto: «Il dato oggettivo ed inequivocabile che deve prevalere è quello riferito alle numerosissime vittime colpite da mesotelioma e da altre malattie mortali dovute all’amianto che sono state registrate nelle fabbriche genovesi, soprattutto Ilva e Ansaldo, a testimonianza del fatto che in queste realtà produttive l’amianto è stato ampliamente utilizzato e quindi respirato dai lavoratori», fanno sapere i sindacati in una nota, definendo la posizione di Inps «intransigente».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal 1994 al giugno 2015 sono 178 i decessi per mesotelioma nella sola Ansaldo e ben 171 nell’Ilva (prima Italsider). Il numero totale dei mesoteliomi registrati a livello regionale dal 1994 è stato di 2.745 casi di cui 350 ha coinvolto vittime civili (mogli, sorelle e familiari)”, proseguono i sindacati, che lanciano un appello alle istituzioni: «E’ giunto il momento di chiudere definitivamente la vicenda dell’amianto genovese riconoscendo i diritti a tutti i lavoratori esposti. Il governo, e di conseguenza l’Inps, devono tutelare tutti lavoratori a cui ingiustamente l’Inail aveva revocato le certificazioni». La questione adesso approderà a Roma, dove i sindacati hanno ottenuto il richiesto incontro che si terrà lunedì prossimo presso il ministero del Lavoro alla presenza dell’Inps Nazionale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Genoa, cinque nuovi acquisti per Maran

  • Violenza sessuale in ospedale, ausiliario approfitta di una paziente in anestesia

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Covid-19, Bassetti: «Con questo virus conviveremo per i prossimi anni»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento