menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alluvione Genova: anche il Tigullio in difficoltà, gli aggiornamenti

Centinaia di interventi a Rapallo, Chiavari, Recco e in tutto il tigullio, zona in cui la perturbazione che ha travolto Genova si è spostata. Danni ingenti in molte località

Il maltempo ha colpito Genova, l'entroterra, ma non solo. Violento anche l'impatto sul Levante ligure, l'entroterra di Chiavari, Recco e Rapallo. Ieri notte sono esondati i torrenti Entella alla foce a Chiavari, invadendo le aree golenali, e danneggiando alcune auto, e il Lavagna nella parte a monte tra Calvari e San Colombano Certenoli dove ci sono stati allagamenti con danni da quantificare.

Alcune zone sono senza acqua potabile e corrente elettrica da questa notte. Si contano alcuni sfollati delle abitazioni di Micheloni e Maggi ospitati nel palazzo comunale. A Calvari le scuole sono rimaste chiuse.

I vigili del fuoco di Chiavari sono intervenuti per liberare un uomo rimasto bloccato nel suo laboratorio invaso dall'acqua a Pian dei Ratti e hanno aiutato alcuni abitanti di una palazzina di Piano Officioso a lasciare i piani bassi invasi dall'acqua.

Intervento anche al passo della Scoffera, tra la val Bisagno e l'alta valle Scrivia, per soccorrere una decina di persone rimaste intrappolate per una frana mentre erano a bordo di un pulmino privato.

A Recco nella notte i vigili del fuoco di Rapallo hanno tratto in salvo una donna e la sua bambina di pochi mesi rimaste intrappolate al piano terra della loro abitazione invasa dall'acqua; intervento analogo per una coppia di Testana. Sulle alture di Rapallo la località San Maurizio dei Monti è rimasta isolata circa un'ora a causa di una frana.

La Provincia di Genova ha diramato l'elenco delle strade chiuse di sua competenza: la provinciale 21 di Neirone a Roccatagliata per frana, 586 della Val d'Aveto al km. 49,2 nel Comune di Borzonasca per cedimento della carreggiata. Restano chiusi per motivi di sicurezza legati alle piene dei torrenti i ponti di Comorga sulla provinciale 225 a Carasco e di Caperana sulla provinciale 33-dir a Cogorno (qui con limitazioni al transito dei mezzi pesanti).

Le frane e gli smottamenti si sono abbattuti anche su molte altre strade, al momento pero' aperte (o riaperte) a senso unico alternato: la 225 della Fontanabuona a Moconesi per una frana da monte, la 20 di San Marco d'Urri nella stessa vallata per smottamenti al km 2.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento