Alluvione: Raffaella Paita in tribunale, i pm chiedono il processo

L'ex assessore alla Protezione Civile, indagata insieme con Gabriella Minervini con le accuse di omicidio e disastro colposi, si è presentata in mattinata in tribunale per rispondere all'interrogatorio del giudice

Raffaella Paita

Si è presentata questa mattina in tribunale per sottoporsi a un interrogatorio a porte chiuse davanti al giudice, Raffaella Paita, ex assessore regionale alla Protezione Civile, indagata insieme con Gabriella Minervini, ex dirigente regionale, per l’alluvione che ha colpito la città il 9 ottobre del 2014 causando la morte dell’infermiere in pensione Antonio Campanella e milioni di danni.

L’udienza, che segue quella dello scorso 2 marzo, si è tenuta davanti al gip Ferdinando Baldini, che ha ripercorso le fasi di quella tragica serata con l’attuale capogruppo del Pd in Regione: i pm Gabriella Dotto e Patrizia Ciccarese hanno chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio e disastro colposi sia per Paita sia per Minervini, accusate di non avere diramato il massimo stato d’allerta nonostante la situazione sempre più critica e i «plurimi bollettini di avviso emessi dal centro meteo regionale di Arpal, tutti recanti i simboli di massima attenzione e quindi con esplicite segnalazioni di rischio meteorologico associato a temporali forti». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assente in aula Gabriella Minervini, mentre all’udienza ha partecipato anche Alessandro Vaccaro, l’avvocato della Regione Liguria, chiamata in causa come responsabile civile e dunque, in caso di condanna, costretta a risarcire i danni. L’ipotesi più probabile al momento è che l’ex assessore faccia richiesta per il rito abbreviato. La sua linea di difesa è sempre stata che la diramazione dell’allerta è un atto di natura tecnica, e dunque non di competenza di un politico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Bassetti: «Seconda ondata? Basta allarmismo»

  • Uccide il padre dopo anni di violenze, l'"abbraccio virtuale" degli amici su Facebook: «Siamo con te»

  • Migliore street food italiano: un locale genovese premiato da Gambero Rosso

  • Ruba una valigia in un'auto ma passa davanti al proprietario poco dopo

  • Maxi tamponamento in A12: feriti e autostrada chiusa per due ore

  • Notte di San Lorenzo 2020, dove guardare le stelle cadenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento