menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alluvione 2011: omicidio colposo e disastro, nuove accuse per gli indagati

L'ex sindaco Marta Vincenzi, l'ex assessore Francesco Scidone e tre dirigenti comunali sono indagati per omicidio colposo e disastro per l'alluvione che nel 2011 provocò sei morti a Genova

Omicidio colposo e disastro. La nuova accusa per i cinque indagati dell'alluvione che nel 2011 devastò Genova è di quelle pesanti. Non solo per falso: ora, l'ex sindaco di Genova Marta Vincenzi, l'ex assessore alla Protezione Civile Francesco Scidone e i tre dirigenti comunali Gianfranco Delponte, Pierpaolo Cha e Sandro Gambelli sono indagati per un crimine ben più grave. Resta fuori invece il sesto indagato per falso, Roberto Gabutti, capo dei volontari della Protezione Civile.

La tesi su cui indaga la Procura è che probabilmente si sarebbe potuto intervenire prima che le violenti piogge facessero esondare il Fereggiano e il Bisagno ed evitare così la strage di quel drammatico 4 novembre 2011, quando a Genova morirono sei persone, comprese anche due bambine: Serena Costa, Evelina Pietranera, Angela Chiaramonte, Djala Shpresa e le sue due piccole, Gioia e Janissa, di 8 anni e di 11 mesi.

Alla fine dello scorso anno, il procuratore aggiunto Vincenzo Scolastico e il sostituto procuratore Luca Scorza Azzarà avevano iscritto sei persone nel registro degli indagati per i falsi verbali nei quali veniva anticipata di 50 minuti l' esondazione del Rio Fereggiano. Il falso, secondo l'accusa, era stato creato per fare passare la versione secondo la quale a Genova quel giorno si abbattè una 'bomba d'acqua', un evento imprevedibile e particolarmente violento che non permise di mettere in moto tempestivamente la macchina della protezione civile. Quel verbale venne però smentito grazie anche alla collaborazione dei cittadini: foto, filmati e testimonianze avevano raccontato una versione diversa e soprattutto un orario diverso dello straripamento. Ora l'accusa diventa ben più pesante, e, qualora venisse confermata, prevederebbe pene ben più gravi per i cinque indagati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo: Genova si sveglia (ancora) nella nebbia, le foto più belle

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento