menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scatta l'allerta rossa: tutti gli aggiornamenti

Alle ore 8 di venerdì 20 dicembre 2019 è scattata l'allerta rossa su Genova e sul centro-ponente della Liguria, dalle 12 coinvolge anche il centro-levante 

Sul finire di una giornata, quella di venerdì 20 dicembre, in cui tutta la Liguria è rimasta in allerta rossa, Arpal e Protezione Civile hanno nuovamente fatto il punto della situazione intorno alle 18 modificando ulteriormente l'avviso per le ultime ore di venerdì, per la notte tra venerdì e sabato e per le prime ore di sabato, prolungando l'allerta sul Levante.

Nel dettaglio, ecco le nuove modalità di allerta:

Bacini grandi della zona C (lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Val Fontanabuona e Valle Sturla): allerta rossa sino alle 24 di venerdì, arancione sino alle 8 di sabato 21 dicembre, poi gialla sino alle 12 

Bacini piccoli e medi della zona C (lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Val Fontanabuona e Valle Sturla): allerta rossa sino alle 21 di venerdì, arancione sino alle 24 di venerdì, gialla sino alle 8 di sabato 21 dicembre.

Zona A (lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa): allerta rossa sino alle 21, arancione sino alle 24 di venerdì 20 dicembre

Zona B (lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno): allerta rossa sino alle 21, arancione sino alle 24 di venerdì 20 dicembre

Zona D (Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida): allerta rossa sino alle 21, arancione sino alle 24 di venerdì 20 dicembre

Zona E (Valle Scrivia, Val d'Aveto e Val Trebbia): allerta rossa sino alle 21 di venerdì, arancione sino alle 24, gialla sino alle 8 di sabato 21 dicembre

Allerta rossa, cosa è successo a Genova e in Liguria

«La città di Genova ha contenuto tutta l’acqua e non ci sono stati danni apparenti, non siamo a conoscenza di danni a cose o a strade né di frane che è ciò che temevamo - ha detto il sindaco Marco Bucci durante l’aggiornamento serale - Per sabato è previsto bel tempo quindi ci aspettiamo afflusso positivo per le ultime spese di Natale, ne approfitto per ricordare che domani c’è il Confeugo e una grande festa in piazza De Ferrari»

Per quanto riguarda la viabilità, disagi per i voli dirottati o cancellati all'aeroporto Colombo soprattutto per il vento, ma intorno alle 19 non si registravano criticità particolari, eccezion fatta per qualche problema alla viabilità in Autostrada, dove a causa di un dissesto dell'asfalto la polizia Stradale è stata costretta a scortare gli automobilisti in transito nel tratto compreso tra Genova Est e Nervi. Sempre sull'A12, allagamenti registrati tra Recco e Genova Nervi.

«Siamo lieti che la nostra regione, già duramente colpita dal maltempo, stia reagendo così, ma è imporante ricodare che restiamo in allerta per le prossime 9 ore, quelle più complesse», ha detto Toti alle 12, mentre l'assessore regionale alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone, ha ricordato che «siamo in pieno evento ed è importante non abbassare la guardia, teniamo la massima attenzione: da mezzogiorno sino alle 21 tutta la Liguria sarà in allerta rossa, e il levante avrà una recrudescenza che si prolungherà sino a domani mattina».

A causa dell’allerta rossa, resta chiusa tra i caselli di Savona e Altare a partire dalle 8 di venerdì 19 dicembre, anche l’autostrada A6 nella carreggiata sud, come previsto dal protocollo di sicurezza predisposto a seguito della frana che in località Madonna del Monte. «La riapertura - ha concluso Giampedrone - verrà comunicata dopo un’attenta valutazione della situazione, senza nessun automatismo al termine dell’allerta».

Allerta meteo, gli aggiornamenti

L'allerta è stata rimodulata alla luce di quanto accaduto in giornata, e sulla base delle previsioni per le prossime ore. Le precipitazioni, intense e insistenti,m hanno interessato dalla mattina il centro Ponente della regione, con picchi nell’entroterra imperiese. Il fronte perturbato si è spostato quindi verso la zona centrale della Liguria, raggiungendo anche il Levante. Proprio a Levante il fronte dovrebbe insistere nella mattinata di sabato.

Nelle ultime ore l'intenso flusso umido meridionale ha determinato precipitazioni diffuse e temporali che hanno insistito in particolare sul Centro-Ponente della regione, lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, nell'imperiese e nella valle del Centa: situazione molto problematica in particolare a Sanremo per l'esondazione del torrente Armea, e a Dolceacqua per l'esondazione del torrente Nervia.

Nelle ultime 12 ore sono state raggiunte cumulate importanti proprio nella zona dell'imperiese: 276.6 i millimetri di pioggia caduti a Ceriana, 263.6 a Montalto Ligure, 173.6 ad Airole, 172.2 a Borgomaro tutte stazioni dell’imperiese. Nella zona D, sempre in 12 ore, 180.2 a Urbe Vara Superiore(Savona), 168.8 a Prai (Campo Ligure, Genova), 162.4 a Piampaludo (Sassello, Savona), 145.8 a Campo Ligure (Genova).  Da segnalare poi, nella zona B, 135.8 millimetri a Santuario di Savona, 130 a Isoverde, 120 a Monte Pennello mentre, nella zona C, Sella Giassina (Neirone, Genova) ha toccato 134 millimetri.

Intorno alle 18 le piogge si stavano concentrando sulla parte centrale della regione, e in diverse zone del ponente i livelli idrometrici hanno raggiunto la soglia di piena straordinaria. Significativi innalzamenti dei livelli potranno registrarsi anche nell'entroterra Genovese, in particolare nella zona di Campo ligure, dove lo Stura ha già superato la soglia di piene rive. Continuano a soffiare venti meridionali di burrasca forte : Tanadorso, comune di Ronco Scrivia ha toccato 151.6 km/h ,Fontana Fresca (Sori, Genova) 144.7 km/h mentre Casoni di Suvero (Zignago, La Spezia) ha toccato 133.6 km/h

Anche il mare, "gonfiato" dal Libeccio, è in aumento: la boa di Ventimiglia ha registrato 4,0 metri di onda significativa e circa 7 metri di onda massima.

Allerta meteo, nuovo peggioramento tra sabato e domenica

«Quella che sta passando sulla Liguria è una struttura molto grande e ampia - spiegano i previsori Arpal - Intorno a mezzogiorno la parte più intensa ha abbandonato il golfo del Leone e sta producendo precipitazioni sul ponente che stanno iniziando a colpire anche Genova, pioggia che ha portato all'innalzamento di tutti corsi d’acqua soprattutto a ponente. Da ieri attendevamo venti molto forti e abbiamo già misurato raffiche oltre i 130 km h sui crinali, sarà così per tutta la giornata, con mare molto mosso che aumenterà nel corso della serata sino a sabato mattina»

La notte tra venerdì e sabato, e le prime ore di sabato mattina, sarà dunque il levante a essere maggiormente monitorato, con uno stato di allerta arancione. Sabato sarà poi una giornata di tregua, ma un secondo passaggio nella notte potrebbe portare a una nuova allerta che i previsori stanno ancora valutando.

Allerta rossa: portuali in sciopero

I lavoratori del porto di Genova e Savona hanno proclamato lo sciopero per tutta la durata dell'allerta rossa (dalle 6/7 di venerdì 20 dicembre fino alle 23.59) per chiedere maggiori tutele per i lavoratori nelle giornate di emergenza meteo. Dal trasporto casa-lavoro (o viceversa) alla richiesta di costituire una "cellula istituzionale" del porto che possa prendere decisioni durante le allerte, in modo da tutelare la sicurezza dei lavoratori.

Scatta l'allerta rossa: la situazione del Polcevera, Video

Danni da maltempo, il governatore Toti: «Ricevuti dal governo 50 milioni sui 500 richiesti»

Nel corso dell'aggiornamento meteo di metà giornata, il governatore Toti ha fatto anche il punto sulla richiesta economica avanzata al governo per chiedere il rimborso dei danni causati dall'ondata di maltempo dei mesi scorsi: «Abbiamo chiesto circa 500 milioni di euro di danni per il maltempo che si è abbattuto in Liguria tra la fine di ottobre e novembre scorsi e abbiamo ancora scoperte 50 milioni di somme urgenze che non sono ancora state coperte da fondi del Governo centrale - ha detto Toti -  Pertanto al momento siamo a metà delle somme urgenze e a zero per gli altri danni. E sto parlando solo delle infrastrutture pubbliche colpite. Dopo di che Camera di Commercio e Union Camere hanno stimato 2 milioni di danni al sistema di imprese liguri ogni giorno, pertanto dovremmo  quantificare anche quelli».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arisa si sposa con Andrea Di Carlo: tutti i dettagli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento