Cronaca

Maltempo, prolungata l'allerta su Genova e il Levante

Sul capoluogo ligure e sull'entroterra genovese resta gialla, ma prosegue sino alle 21; per i grandi bacini di Entella e Magra, l'arancione resta sino alle 6 di lunedì

Peggiorano le previsioni meteo per le prossime ore, e la Protezione Civile regionale ha deciso di prolungare gli avvisi di allerta già in vigore sulla Regione per questa domenica con le seguenti modalità: 

- Zona B (lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno): allerta gialla per temporali e piogge diffusi fino alle 21 di domenica 5 febbraio 

 - Zona C (costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla): 

- Bacini medi e piccoli: allerta gialla per piogge diffuse e temporali sino alle 6 di lunedì 6 febbraio

- Bacini grandi (per la provincia genovese Carasco, Chiavari, Cogorno, Lavagna, Leivi, San Colombano Certenoli): allerta arancione sino alle 6 di lunedì, poi allerta gialla sino alle 14

- Zona D (Valle Stura ed entroterra savonese compresa la Val Bormida): allerta gialla per neve sino alle 3 di lunedì 6 febbraio

- Zona E (Valle Scrivia, Val d'Aveto,  Val Trebbia): allerta gialla per piogge e temporali sino alle 23.59 di domenica 5 febbraio: allerta gialla per neve sino alle 3 di lunedì 6 febbraio.

Criticità verde sull’imperiese e la valle del Centa

La situazione - Dopo la pausa tra il pomeriggio e la serata di ieri le precipitazioni sono tornate a essere protagoniste dall’alba sulla Liguria e soprattutto nelle zone di Centro Levante. Le cumulate orarie non sono particolarmente rilevanti (17,2 a Monterosso e a Rapallo) mentre le cumulate totali dalla mezzanotte sono di 51,6 a Piana Battolla, 49,4 a Cembrano, 48,6 a Santa Margherita Vara, 48, 4 a Viganego (provincia di Genova). Nelle prossime ore sono attese ancora precipitazioni che andranno insistere su terreni e bacini già provati dalle piogge degli ultimi giorni anche se, dal tardo pomeriggio, comincerà una progressiva attenuazione dei fenomeni a cominciare da Ponente. Contemporaneamente il calo termico previsto soprattutto sui versanti padani potrà provocare precipitazioni a carattere nevoso nelle zone interne mentre sono da segnalare anche i venti forti settentrionali e il mare agitato al largo. Da sottolineare come l’allerta arancione per i grandi bacini di C sottolinea come i bacini del Magra e del Vara possano rispondere repentinamente a questo tipo di precipitazioni, che si stanno prolungando da più giorni su un terreno già saturo.

Di seguito le previsioni per le prossime ore e per i prossimi giorni:

- Domenica 5 febbraio: precipitazioni diffuse, localmente moderate ed elevate, con bassa probabilità di temporali forti su A e D, alta sul resto della regione. Progressiva attenuazione dei fenomeni dal tardo pomeriggio da Ovest. In serata residue precipitazioni sparse. A partire da metà giornata calo della quota neve fino a 200-400 metri su D ed E, con deboli precipitazioni nevose fino alla notte. Vento forte da Nord, localmente di burrasca su B, con raffiche fino a 80/90 km/h. Locali condizioni di disagio per freddo nell'interno. Mare agitato al largo.

- Lunedì 6 febbraio: deboli precipitazioni sparse nel corso della giornata, con frequenti pause, anche di lunga durata. Fino alle prime ore della notte possibili deboli precipitazioni nevose su D ed E, con quota neve in rapido aumento. Venti forti dai quadranti settentrionali, localmente di burrasca su B, con raffiche fino a 80/100 km/h. Nelle prime ore locali condizioni di disagio fisiologico per freddo nelle zone maggiormente esposte dell'interno. Mare agitato al largo, molto mosso sotto costa.

- Martedì 7 febbraio: nelle prime ore vento ancora forte dai quadranti settentrionali, in particolare su B e C; in progressivo calo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, prolungata l'allerta su Genova e il Levante

GenovaToday è in caricamento