menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allerta 1 a Genova, forti temporali a ponente

Tutto il ponente ligure, dal confine francese fino a Genova, è interessato da continui rovesci, che localmente raggiungono forte intensità ma che tendono a non avere caratteristiche di stazionarietà

La Protezione Civile della Regione Liguria ha modificato, rispetto al messaggio emesso lunedì 3 novembre, lo stato di allerta su tutto il territorio della Liguria.

Sulla base della nuova situazione meteorologica è stato diramato lo stato di allerta 2 nei bacini marittimi e padani di ponente che comprendono le  province di Imperia e Savona fino a Noli compreso, le valli Bormida e Stura, quest'ultima nel genovesato, dalle 17 di oggi fino alle 23.59 di mercoledì 5 novembre.

Stato di allerta 2 anche nei bacini liguri di Levante che comprendono il Tigullio, la Val Fontanabuona e tutto il Levante Ligure fino alla Spezia, comprese le valli Magra e Vara dalle 21 di oggi alle 23.59 di domani mercoledì 5 novembre.

Resta confermato lo stato di allerta 1 nei bacini liguri di centro e in quelli padani di levante con i capoluoghi Genova e Savona, val Trebbia, Aveto fino alle 23.59 di domani mercoledì 5 novembre.

Questo il più recente messaggio di aggiornamento del monitoraggio idro in corso di evento, rilasciato alle 17.35 dall'Arpal.

Tutto il ponente ligure, dal confine francese fino a Genova, è interessato da continui rovesci, che localmente raggiungono forte intensità ma che tendono a non avere caratteristiche di stazionarietà.

Nelle ultime 6 ore (dalle 11 alle 17) sono caduti 32 mm mediamente distribuiti sull'area A, dove localmente si sono raggiunti i 70 mm (pluviometro di Colla Rossa, sulle alture di Ventimiglia).

Una cella temporalesca è inoltre attiva da diverse ore sull'alto bacino del Magra, nella zona a monte di Pontremoli verso il Passo della Cisa. A seguito di tali piogge, l'alto Magra ha mostrato un innalzamento del livello idrometrico che tuttavia non sta provocando alcuna criticità.

Nel resto della regione le media areali sulle Zone di allertamento hanno raggiunto i 10 mm solo su entroterra savonese e i massimi valori locali alle stazioni pluviometriche sono compresi tra 15 e 25 mm.

L'evoluzione a breve termine, stimabile da radar, vede una continuità delle piogge a ponente di Genova a seguito delle quali sono previsti innalzamenti generalizzati dei corsi d'acqua principali dell'imperiese (Roya, Nervia, Argentina, Centa, torrenti del finalese), dell'entroterra savonese (Bormida di Millesimo, Bormida di Spigno), e del Tigullio immediatamente a levante di Capo Noli (Segno e Quiliano).

Nelle prossime ore potrebbero verificarsi superamenti della prima soglia di attenzione su alcuni corsi d'acqua.

I risultati delle nuove valutazioni idrologiche, eseguite nel pomeriggio alla luce dei più recenti modelli meteo, non mostrano differenze sostanziali nella previsione per la notte e la mattina di domani rispetto all'emissione di questa mattina, pertanto rimangono confermate le condizioni di criticità già emesse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Coprifuoco, da metà maggio atteso un allentamento

  • Cronaca

    Incendio nella notte a Ceranesi, due persone in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento