menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Falso allarme bomba sulla nave, telefonate fatte da tre passeggeri in ritardo

In ritardo per l'imbarco, hanno effettuato le telefonate d'allarme per riuscire a prendere la nave. Gli agenti della Polmare li hanno rintracciati una quindicina di giorni dopo, al rientro in Italia

In seguito all'allarme relativo alla presenza di una bomba a bordo di un traghetto della compagnia di navigazione Grandi Navi Veloci, diretto a Tunisi che il 21 novembre ha causato un considerevole ritardo sulla partenza della motonave Excellent, la Polmare, dopo accurate e approfondite indagini, ha potuto individuare i responsabili delle telefonate anonime.

Si tratta di due tunisini, Souidi Riadh e Majid Nader e un serbo Mulja Devat. Questi ultimi, in ritardo per l'imbarco, hanno effettuato le telefonate d'allarme per riuscire a prendere la nave. Effettivamente, all'atto della partenza della nave, i soggetti sono riusciti a lasciare il territorio nazionale, ma il 7 dicembre, durante i controlli allo sbarco della nave proveniente da Tunisi, sulla quale viaggiavano per il ritorno, sono stati intercettati e denunciati all'autorità giudiziaria per i reati di pubblica intimidazione, interruzione di pubblico servizio  e procurato allarme in concorso.

Negli ultimi giorni l'attività della polizia di frontiera, effettuata al controllo passaporti dei passeggeri in arrivo a bordo di traghetti provenienti dai paesi del nord Africa, ha permesso di arrestare quattro stranieri, a carico dei quali sono risultati essere pendenti mandati di carcerazione emessi da varie procure italiane.

Gli stranieri sono stati associati presso la casa circonadariale di Marassi a disposizione dell'autorità giudiziaria. Si tratta di Otay Karim, tunisino responsabile di tentato omicidio aggravato in concorso; Aboudelef Rachid, marocchino responsabile di produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti; El Ghouyby Lakhlifi, tunisino responsabile di violazione degli obblighi di assistenza familiare e Ait Lhaj Redouan, tunisino responsabile di violazione delle disposizioni contro l'immigrazione clandestina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, da lunedì tutta la Liguria in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento