menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Movida molesta nei vicoli: sigilli al locale Albebo

I carabinieri hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip del tribunale di Genova su richiesta della locale Procura della Repubblica, di Albebo, locale pubblico in via dei Giustiniani

Genova - I carabinieri hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip del tribunale di Genova su richiesta della locale Procura della Repubblica, di Albebo, locale pubblico in via dei Giustiniani, meta di ritrovo notturno per decine di giovani amanti della cosiddetta ‘movida genovese del centro storico'.

A far scaturire la richiesta di sequestro avanzata al gip dal pm Federico Manotti, titolare delle indagini, le numerose lamentele recentemente giunte alla Procura della Repubblica mediante un esposto sottoscritto dagli abitanti della zona che, secondo quanto accertato dagli inquirenti, hanno lamentato di essere pesantemente disturbati, nelle ore notturne destinate al riposo (precisamente dalle ore 22 fino oltre le 2), dai rumori e dagli schiamazzi degli avventori che stazionano davanti al locale; in particolare alcuni hanno riferito che sarebbe assolutamente impossibile riposare sebbene le finestre abbiano i doppi vetri e vengano usati anche i tappi per le orecchie.

A questo punto, ritenuta la sussistenza del reato del disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, il pm ha richiesto il sequestro del locale in conformità agli indirizzi giurisprudenziali più recenti che attribuiscono al titolare della gestione dell’esercizio pubblico l’obbligo giuridico di controllare, con possibile ricorso ai vari mezzi offerti dall’ordinamento, come ad esempio il ricorso all’autotità, che la frequentazione del locale da parte degli utenti non sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità
pubblica.

Conseguentemente, il gip presso il tribunale, accogliendo la richiesta della procura della Repubblica che evidenzia altresi il pericolo del protrarsi delle conseguenze del reato sopra contestato, si è passati all’emissione del decreto di sequestro preventivo, eseguito dai carabinieri in data odierna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caligo, parla l'esperto: «Ecco come mai stavolta il fenomeno è così intenso»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento